20 Maggio, 2022

La Virtus cade anche con Caserta

La Virtus cade anche con Caserta

Il copione è quello delle gare precedenti, Virtus che comincia impacciata  e approssimativa al tiro, rimane sotto per 38′, riesce ad andare a +4 fino a 18″ alla fine dell’incontro, ma all’overtime un Cinciarini in serata perfetta (25 punti finali) portano Caserta alla vittoria.
Si parlava di Virtus impacciata e approssimativa al tiro, tanto che dopo il primo quarto le percentuali sono veramente deludenti (4/16). Con queste cifre i bianconeri lasciano praticamente giocare Caserta di rimessa con Cinciarini per andare in pausa col risultato di 15-22, su sponda bianconera Mazzola in questo periodo trascina la squadra con 8 punti. Se si poteva pensare che peggio di così non si potesse andare nel secondo quarto la Virtus è riuscita a peggiorare la situazione, Valli cerca di mettere a posto i bianconeri provando quintetti differenti senza avere risposte positive, Caserta riesce ad arrivare anche a 19-32. In questo periodo è Fontecchio che si carica la Virtus sulle spalle con 9 punti, le “v nere” si tengono vicino a Caserta mandando all’intervallo col punteggio di 32-28.
Al rientro Amoroso “traina” Caserta riportandola ancora più in là (35-46) con la Virtus in completo stato confusionale, da questo momento in poi sale in cattedra Gaddy (foto Serra / Virtus Pallacanestro) che si carica sulle spalle i bianconeri e porta i compagni al pareggio (50-50) con canestri e assist. Cinciarini tiene Caserta ad un vantaggio minimo fino al 38′ quando i bianconeri riescono a vedere perfino il vantaggio, a questo punto i casertani sembrano riusciti nell’impresa di un suicidio perfetto. La Virtus a 18″ dalla fine è sopra di +4 (75-71) ma tutto questo non è bastato. Hunt pareggia, si va all’overtime e gli ex Amoroso e Gaddefors insieme ad un Cinciarini in serata (che firma l’ultima tripla) condannano la Virtus all’ennesima sconfitta 85-90.
Domenica i bianconeri giocheranno in trasferta con l’EA7 Emporio Armani Milano prima in classifica…Ai bianconeri serve una seria riflessione se muoversi sul mercato o meno, i ragazzi di Valli senza Ray, con Pittman out al 22′ e Williams a mezzo servizio (4 punti alla fine) manca come il pane qualcuno che porti punti pesanti.

Obiettivo Lavoro Bologna-Pasta Reggia Caserta 85-90
Parziali: 1/4 (15-22) – 2/4 (32-38) – 3/4 (57-60) – 4/4 (76-76)
Obiettivo Lavoro Bologna: Pittman (4) Fabiani (n.e.), Vitali (5), Cuccarolo (n.e.), Vercellino (n.e.), Gaddy (20), Williams (4), Fontecchio (11), Mazzola (25), Oxilia (0), Odom (16), Graziani (n.e.). All. Giorgio Valli.
Pasta Reggia Caserta: Downs (0), Hunt (13), Cinciarini (25), Ventrone (n.e.), Amoroso (20), Gaddefors (14), Ghiacci, (5) Giuri (11), El-Amin (2), Ingrosso (n.e.). All: Paolini.

Tiro da 2: Obiettivo Lavoro 21/40 (6/33 da tre), Pasta Reggia 24/40 (9/29 da tre).
Tiri liberi: Obiettivo Lavoro 42/14, Pasta Reggia 46/12.
Rimbalzi: Obiettivo Lavoro 42 (14 off), Pasta Reggia 46 (12 off).
Assist: Obiettivo Lavoro 13, Pasta Reggia 16.
Arbitri: Sahin, Rossi, Morelli.

About The Author