13 Giugno, 2021

La Virtus fa terna sulla ruota di Milano…

La Virtus fa terna sulla ruota di Milano…
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Annichilendo Milano in una quarta frazione debordante, la Virtus si prende anche gara3 e conduce 3-0, dando prova di forza e nervi. Le varie prove di fuga son sempre state riprese dall’Olimpia nel primi 3 quarti, nell’ultimo no, il clinic difensivo è stato qualcosa di mai visto in una finale scudetto, tenuti gli avversari a 6 punti distruggendoli offensivamente con una prova di squadra incredibile.

La coppia Pajola-Abass ha chiuso tutto, Weems ha giocato la miglior partita di questi 2 anni, al di là del trentello nel derby, il tutto resistendo a fischiate non sempre amiche, ma vincere così è anche più corroborante verso l’ultimo assalto, che sarà già venerdì.

I crudi numeri narrano un divario incredibile a rimbalzo e pure al tiro, dove il modesto 39% Virtus è grasso che cola rispetto al 30% ospite, non nei numeri c’è la foto dell’incontro ma nell’energia profusa in tutti i 40’.

DJ si è inventato quintetti particolari, Alibegovic da 5 ha costretto Hines a girare lontano dall’area, finendo per recuperare più falli che rimbalzi, e questa è una vittoria tattica fondamentale.

Nulla è fatto, ma la strada è stata asfaltata per arrivare a destinazione, il sogno si sta facendo realtà.


DJ conferma i partenti di gara2, Messina che cambia Leday e Delaney per Tarczewski e Micov, parte coi 2, il Chacho a guidare, Punter a fianco di Shields, unico reduce dei precedeni quintetti. Passan quasi 3’ per muovere lo 0-0, lo fa Ricci dall’arco, a lungo comandano le difese con Milano più lesta ai rimbalzi d’attacco. Tra tiri sbagliati (35% a 31% dal campo) e falli esponenziali (13), il punteggio resta basso, il cameriere sulla sirena di Teo vale il +1, dopo 10’ nervosi fin troppo.

Riparte solo la Virtus che allarga il parziale a cavallo dei quarti di 14-0, poi Punter spegne l’euforia bianconera del +12 e l’A|X è di nuovo lì, cinica a sfruttare le seconde opportunità scaturire da offensivi e fischiate a rimbalzo. La Segafredo non segna più, nemmeno in contropiede per oltre 5’, la difesa qualcosa contiene e paga dazio solo al -1 della tripla di Brooks. Weems riapre i fuochi, Milano riaccosta tirando più volte su unica azione, il +3 è di Pajola ai liberi. Le V nere tirano meglio da 3 che da 2, perdono solo 4 palloni ma lasciano 8 carambole sotto al proprio ferro, il male maggiore oltre al lungo black out offensivo.

E’ di nuovo al Virtus a partire lanciata, 8-1 in 2’ quando DJ prova un quintetto con Ali da centro. Il +12 non regge, ancora un prolungato black out offensivo provato da innumerevoli fischiate dubbie che costano un “ovvio” tecnico a DJ. Milano sorpassa, manco a dirlo, con una lunga fila di liberi, Weems impatta in un ambiente che si scalda e s’infuria verso i grigi. E’ Datome l’uomo del quarto, per la Virtus invece Weems scaccia le paure.

Le partenze fotocopia si ripetono, con un Pajola da difesa e attacco è ancora +10 a 5’, A|X tenuta a 4 punti. La difesa Virtus è da antologia, Milano non segna mai se non ai liberi, a 3’ sono ancora 10 i punti di vantaggio, quando Teo irridendo la difesa firma il +13 il traguardo pare dietro l’angolo. L’energia e la voglia è tutta da una parte il tempo passa ed è festa grande pure in anticipo. 3-0, manca un passo per il sogno.

Prossima partita sarà gara4 venerdì 11 giugno ore 19:00, Segafredo Arena, diretta Rai Sport, Eurosport 2, Player e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-A|X Armani Exchange Milano 76-58
(17-16; 37-34; 52-52)
Virtus Segafredo Bologna: Belinelli 7, Pajola 10, Alibegovic 5, Markovic 4, Ricci 3, Adams n.e. Hunter 4, Weems 23, Nikolic, Teodosic 12, Gamble 2, Abass 6. All. Đorđević.
A|X Armani Exchange Milano: Punter 11, Micov 8, Moraschini 4, Rodriguez 4, Tarczewski, Biligha, Cinciarini n.e. Shields 14, Brooks 3, Hines 4, Datome 14, Wojciechowski n.e. All. Messina.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts