13 Dicembre, 2019

La Virtus inaugura l’Arena battendo Treviso

La Virtus inaugura l’Arena battendo Treviso
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

La Virtus spiana la nuova Arena davanti a quasi 7.000 persone con l’ottava vittoria a fila, al termine di una partita come ormai solito in casa chiusa solo nei momenti finali.

Lo fa dopo 20’ prescindibili e un terzo quarto stracciato dal miglior Gaines visto fin qui, resistendo nell’ultima frazione senza mai però chiuderla. Una difesa non sempre al suo massimo, qualche passaggio scolastico davanti e Treviso è sempre lì, se non più volte avanti nonostante i problemi di falli di suoi uomini, le V nere traggono buoni spunti da più giocatori ma mai con continuità e soprattutto mai tutti assieme.

Per un buon Markovic in avvio ha fatto seguito Gaines, solidità da Gamble ma sostanza distribuita nella partita solo da Ricci, con Teodosic croce e delizia.

Finendo per subire a rimbalzo, dove Treviso certo non primeggia, dato preoccupante in vista del trittico di trasferte che in 8 giorni attenderà la Segafredo tra coppa e campionato.


C’è Gamble e non Delìa ed il quintetto è suo senza altre novità di fianco, Menetti va subito con Logan ed una difesa che punge. Nel corri e tira, tanto da 3, la partita vive di strappi con sostanziale parità anche se i veneti hanno subito Tessitori con 3 penalità. Un cambio a 4 di Đorđević rivoluziona l’assetto e con un Hunter efficace il vantaggio è Virtus, +3, alla prima pausa, nonostante un pessimo 1/7 dall’arco mentre Treviso trova sugo dalla panchina con Chillo a quota 7.

Riparte solo la De Longhi, 2-8 di parziale, il rientro di Markovic è la scossa per rimettere la freccia dopo errori e disattenzioni. Un flash di Teodosic vale il +5, massimo divario fin lì, vantaggio che non regge con un Logan ispirato e troppe difficoltà a rimbalzo. L’ennesima bomba sulla sirena di Logan da metà campo dice +6 Treviso al termine di una frazione con Virtus male in campo, errori assortiti di un Gaines senza costrutto e poca intensità generale a parte gli sprazzi di Markovic, uscito a sistemarsi dopo una botta con Uglietti. Le 5 triple in più De Longhi, con buone medie fanno la differenza.

Il +7 veneto qualche dubbio lo incute di fronte ad una difesa che ha troppi buchi, lì si materializza Gaines a firmare il sorpasso. L’ex Cantù non si ferma più e sigla il vantaggio in doppia cifra (18 nel quarto per lui), ne rimangono 8 oer gli ultimi ottimi spunti di Tessitori. V nere padrone dei rimbalzi (14-6) ma difesa ben diversa dai primi 20’.

Salgono a 4 i falli per Gaines, Nikolic e Tessitori, in panchina l’eroe del 3° quarto Treviso trova gli accorgimenti per spegnere l’attacco Virtus e ritornare a -3. La reazione Virtus c’è, l’esperienza di Teodosic e Markovic è provvidenziale, prima per allungare a +7, poi per tenere dietro quando il canestro si restringe. Treviso non si arrende nemmeno sul -9 a 90”, un gioco al contrario da 4 (libero e su offensivo, bomba di Parks) vale il -5 e Logan fa -3. Teodosic a 26” spara a vuoto lasciando la palla della vittoria agli ospiti, ma proprio lui recupera il pallone per lanciare Hunter a schiacciare. L’ultimo assalto sul -5 non porta nulla, la Virtus continua nella sua imbattibilità in campionato.

Prossima partita sarà mercoledì 13 novembre ore 18:30 in Eurocup a Rishon LeZion col Maccabi, diretta Eurosport Player e Radio Bologna Uno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-De’ Longhi Treviso 84-79
Parziali: (20-17, 40-46, 68-60)
Virtus Segafredo Bologna: Gaines 20, Deri n.e. Pajola, Baldi Rossi, Markovic 10, Ricci 13, Cournooh 2, Hunter 6, Nikolic n.e. Teodosic 12, Gamble 12. All. Djordjevic.
De’ Longhi Treviso: Tessitori 10, Logan 16, Alviti 6, Nikolic, Parks 10, Imbrò, Chillo 7, Uglietti 8, Severini n.e. Fotu 13, Cooke 9. All. Menetti.


Luca Cocchi (Basketcity.net)

About The Author

Related posts