04 Dicembre, 2022

La Virtus Segafredo Bologna batte Treviso

La Virtus Segafredo Bologna batte Treviso
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Il ritorno in campionato giova alla Virtus che mette in faretra una comoda vittoria rimanendo intonsa in classifica.

Certo, Treviso ha una consistenza nemmeno lontana parente di quella del Partizan, ma la pratica è stata archiviata facilmente con minuti e buone cose da tutti.

Tanti i quintetti provati, la differenza s’è imposta da subito portando la partita sulle chiavi preferite, a differenza di quanto accaduto solo 2 settimane orsono con Trieste.

Ottime medie al tiro (ma Nicola dovrà inventarsi chissà cosa per trovare difesa dai suoi in futuro), 64% da 2 e 50% da 3, controllo del pallone con poche perse (9), bene a rimbalzo, pure con Camara che vista la partita ha avuto più spazio del solito, ripagando.

Senza gli acciaccati Jaiteh e Cordinier, con Hackett a riposo, una rotazione che ha coinvolti con buoni minutaggi 10 protagonisti, così da rifiatare i più dopo una settimana intensa sia fisicamente, sia mentalmente.

Ed ora pronti per l’ennesima trasferta in Eurolega, a Madrid, oggi sconfitta in ACB dal Baskonia priva dele furetto Howard.


Quintetto rivoluzionato, Teo da subito, Mannion a guidare e Bako in centro con Mickey di rincorsa, Nicola ritrova Iroegbu e va con Jurtakamm (giovanili in Virtus) per Banks. Milos fa e disfa, Virtus avanti ma sempre con divario stretto fin quando Weems va per il raddoppio sul +7. Poi è solo Segafredo col +13 alla prima pausa, parziale di 15-4 nella seconda metà. Già 8 bianconeri con punti dei 9 passati per il parquet (0 Teo), dall’altra parte si spara a vuoto dall’arco (1/8) provando senza frutti anche la zona.
Spazio per Camara sul +14 quando a parte lui si riforma il quintetto d’avvio. Il divario regge col rientro di Bako a presidiare l’area mentre Ojeleye-Weems trovano soluzioni con continuità, in doppia cifra già al 20’. La difesa scende d’intensità e Treviso prende spinta con 6 a fila di Sokolowski, la reazione è corale partendo da dietro e alla pausa lunga è +11 con qualche scialo finale. Bianconeri bene al tiro (60%) e contenuti con solo 4 perse, di là si viaggia a folate, senza grande intensità.
Pronti via e +18 giocando a ritmi alti, Nutribullet ancora con Sololowski nel provare a restare in partita con divario sempre in doppia cifra. La Virtus subisce qualcosa dall’arco, del resto Treviso gioca senza centri, ma risponde allo stesso modo e all’ultima pausa è +19, sempre con medie al tiro di alto profilo, grazie pure ad una difesa che latita.
Nell’ultima frazione si dilaga e si gioca più per il proprio tabellino che per la partita, in freezer da tempo. Belle cose da Camara che finisce per giocare molti minuti (16), rifiatando i compagni di reparto.

Prossima partita sarà in Eurolega giovedì a Madrid col Real ore 20:45, diretta Sky, streaming su Eleven Sport e RadioNettunoBologna1.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-Nutribullet Treviso 97-71 
(24-11; 44-33; 73-54)
Virtus Segafredo Bologna: Mannion 13, Belinelli 12, Pajola 2, Bako 7, Ruzzier, Lundberg 11, Menalo n.e. Mickey 11, Camara 8, Weems 13, Ojeleye 15, Teodosic 5. All. Scariolo.
Nutribullet Treviso Basket: Banks 13, Iroegbu 5, Sarto n.e. Zanelli 5, Jurkatamm 8, Vettori n.e. Sorokas 7, Faggian 3, Cooke 8, Jantunen 6, Sokolowski 13, Simioni 3. All. Nicola.
Arbirtri: Begnis, Martolini, Marziali.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts