18 Febbraio, 2020

La Virtus si impone anche con Pistoia

La Virtus si impone anche con Pistoia
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Sedicesima vittoria per la Virtus su 18 partite fin qui disputate in campionato, arriva con Pistoia con un largo divario come ipotizzabile, ma le partite vanno disputate e vinte sul campo, cosa che la Virtus è riuscita a fare chiudendo anticipatamente la partita.

Solo in avvio di secondo tempo con un terzo quarto non a fuoco qualcosa è stato lasciato, ma mai l’ipotesi di una partita in gioco. Spazio alle seconde linee che la partita se la sono ampiamente meritata e vinta, del quintetto solo Ricci ad alto livello.

Il punteggio finale ricalca quello con Roma, a dimostrazione che la squadra trova la concentrazione anche passando da “guerre” in Eurocup a partite di minor impatto anche mentale nei patri confini.

Nei numeri tutti questa sera premiamo le V nere, Pistoia a sprazzi ci ha provato, ma è parso che ad ogni accelerata bianconera si ritraesse per avere energie quando le partite saranno alla propria portata. Tanto spazio a Pajola, Cournooh, FBR, pure 8’ per Nikolic, buone nuove in vista di Trento già martedì, oggi asfaltata in casa da Reggio Emilia.


Assente Gamble per turnover, in quintetto parte Delìa con Teodosic e i soliti noti, Carrea tiene di rincorsa Salumu per D’Ercole. Si segna poco, Pistoia trova un cesto in 5’, alla Virtus basta poco per trovare il vantaggio sfruttando comode transizioni pur gettando qualche banale pallone di troppo. È sufficiente la difesa a far la differenza per un divario in doppia cifra anche col giro dei cambi, OriOra costretta da un mesto 33% dal campo e ben 6 perse, Virtus ancora in affanno dall’arco.

Conduce la coppia Pajola-Cournooh, il vantaggio ne guadagna grazie anche ad un FBR preciso. Al 15’ c’è un ventello di divario e spazio anche per Nikolic, mentre Ricci riparte dove aveva lasciato FBR. Si scivola alla pausa lunga cercando qualche giocata ad effetto per il pubblico in una partita che pare ampiamente archiviata nonostante un Teodosic da -2 di valutazione con ben 5 perse, metà di quelle di squadra.

Pistoia è più reattiva alla ripresa mentre le V nere girano al piccolo trotto, Đorđević non propriamente contento ferma i giochi dopo 3’ con gli avversari risaliti a -12. Fermato l’emorragia difensiva davanti il gioco ha ancora poca costruzione, gli ospiti rimangono in quel limbo tra 12 e 15 punti, sperando di poter rientrare, pensando di non riuscirsi. Un finale di brutto basket da ambo i lati (17-18 nelle perse in 30’, lo evidenzia al meglio lascia la Segafredo avanti di 14, in una partita che poteva essere chiusa prima.

Con un quintetto da fatica, scendono le perse e sala l’efficacia, Ricci rifirma il +20 oltrepassando quota 20 personale mentre un fin lì silente Gaines inizia a far la voce grossa. La partita termina lì, Pistoia nemmeno ne ha per limitare i danni e attraversa l’appennino con 30 punti di divario.

Prossima partita sarà martedì 21 gennaio ore 20:30 a Trento per l’Eurocup, diretta Eurosport Player e Radio Bologna Uno.

Il tebellino

Segafredo Virtus Bologna-Oriora Pistoia 90-60
Parziali: (19-8; 46-28; 62-48)
Segafredo Virtus Bologna: Gaines 9, Deri, Pajola 7, Baldi Rossi 14, Markovic, Ricci 22, Delia 4, Cournooh 9, Hunter 5, Weems 4, Nikolic 7, Teodosic 9. All. Đorđević.
Oriora Pistoia: Della Rosa, Petteway 16, D’Ercole, Quarisa n.e. Brandt 11, Salumu 13, Landi 8, Dowdell 6, Johnson 6, Wheatle. All. Carrea.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts