28 Febbraio, 2021

L’aria di casa fa male alla Virtus… Passa Brescia

L’aria di casa fa male alla Virtus… Passa Brescia
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Anno nuovo, abitudini vecchie, la Virtus torna a perdere in casa una partita sulla carta semplice, condotta di 11 al 28’, Brescia era reduce da 3 sconfitte a fila, senza uno straniero e Burns, insomma non nel periodo ideale.

Invece le V nere ripetono un copione noto, si accontentano di giocare un’unica frazione, la terza, dominata 29-15, ma non sufficiente anche perché in quei 10’ gli ultimi 2’ son gettati tra un antisportivo a Gamble ed un tecnico a Ricci (quando doveva andare a tirare 2 liberi…).

Per il resto è Brescia ad essere sempre connessa e reattiva, mostrando un Bortolani da MVP e un Ristic, spesso criticato ma oggi assoluto dominatore dell’area. Una difesa che non c’è (proprio quella che aveva chiesto a gran voce il coach), fa pure male notarlo quando si è dimostrato che si potrebbe fare, subendo pure a rimbalzo da una formazione che manca sotto le plance, il tutto da leggersi in energia mancante, poche le perse ma tutte quando c’era da svoltare, mentalmente non bene.

Il tutto in una serata dove nemmeno ha tirato male, ma Brescia se ne va con 2 punti meritatissimi, Virtus con poco dalla panchina dove anche oggi Abass ha assaggiato nel primo tempo e solo guardato nel secondo. Weems non bene, e quando va così il risultato pare scritto, in negativo, gettando pure la tripla che avrebbe potuto spegnere le speranze della Leonessa.


Dopo il minuto di raccoglimento in memoria del grande “Dado”, Dj parte con Belinelli da subito a fianco di facce ormai note, Buscaglia senza il 4 straniero e Burns lo rimpiazza con Sacchetti mentre Vitali guida per un Moss (uno dei tanti ex) pimpante in avvio. Parte bene la Segafredo, ma qualche leggerezza offensiva di Belinelli lascia campo alla Germani che sorpassa con 6 a fila di Ristic. Anche il quintetto piccolo combina poco, il vorticoso giro di cambi dà spazio a Teodosic per i primi cesti facili di serata, la tripla di Abass ferma il primo quarto a +1 grazie ai giri in lunetta che compensano mani fredde (4/15).

Bortolani apre la diga e dall’arco imperversa, Brescia vola a +9 in un attimo, se davanti le cose si sistemano, dietro la difesa balla ancora, la Leonessa resiste davanti. I 33 subiti costano un -8 rimediato allo scadere da Hunter, la difesa è da non pervenuta e chiunque abbia di fronte Teodosic lo attacca immediatamente, con ottimi benefici, così tutti vanno in fiducia ed il canestro è larghissimo. Al 20’ pesa il 7/14 subito da 3, ma Brescia è meglio in tutto, rimbalzi, perse e percentuali. Primo tempo da campo di casa visto nei mesi precedenti che induce ad accendere vari allarmi.

Una difesa più attenta ed un attacco dove ci si cerca meglio cambia l’inerzia, la prima bomba di Beli pareggia, l’affondo di Gamble sorpassa dopo quasi 15’. Il parziale di 20-4 si ferma per un antisportivo a Gamble in un contatto a rimbalzo con Crawford, Belinelli non si ferma ed il vantaggio balla sempre sul +10. Qualche confusione nel finale permette a Brescia di rientrare ad un giocabile -6. 8/9 da 2 nel periodo costruendo meglio, la difesa aggressiva è però la legge del quarto.

La Germani ci crede e parte di spinta, con l’antisportivo a Markovic spreca pure il soprasso, ma arriva il pareggio con Chery poco dopo, sempre dall’arco, da dove vive Brescia. La partita ora è punto a punto, e per le V nere va bene così, l’energia è tutta bresciana sulle spalle di un Bortolani stellare. La Virtus sbaglia dall’arco, Brescia ne approfitta con Ristic e sorpassa all’ingresso degli ultimi 2’, Teo tripleggia immediatamente per il vantaggio mettendoci pure una ottima difesa a seguire. Ma proprio lui perde l’ultima palla e dall’altro lato Moss scrive il +1 a 3” dal termine. Ultimo pallone ancora per Teo e nuova palla persa, questa definitiva per l’ennesima sconfitta interna.

Prossima partita sarà martedì 26 ore 20:30, Buducnost in Eurocup alla Segafredo Arena, diretta Eurosport Player e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-Germani Basket Brescia 89-90 
(16-15; 40-48; 69-63)
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori, Deri n.e. Belinelli 23, Alibegovic 7, Markovic 10, Ricci 4, Adams 2, Hunter 6, Weems 7, Teodosic 17, Gamble 10, Abass 3. All. Đorđević.
Germani Basket Brescia: Bertini n.e. Vitali 7, Parrillo 1, Chery 14, Bortolani 23, Ristic 21, Crawford 5, Kalinowski 11, Moss 6, Sacchetti 2, Ancellotti. All. Buscaglia.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts