07 Ottobre, 2022

Le voci di mercato Virtus in chiave playoff

Le voci di mercato Virtus in chiave playoff
Photo Credit To Massimo De Marco / www.scaligerabasket.it

Dopo la vittoria Virtus della Turkish Airlines Cup 2017 di Serie A2 intorno alla squadra bianconera girano ancora più insistenti le voci di mercato in chiave playoff, al fine di raggiungere ed arrivare ad ottenere il massimo risultato possibile e cioè la conquista della promozione, sì perché visto i risultati ottenuti fin qui è giusto provarci.

Non lo nasconde nessuno, nemmeno Luca Baraldi che questa mattina intervistato su “Il Corriere dello Sport-Stadio” da Luca Muleo in merito alla possibilità di un turnover dove non utilizzare un giocatore senior nella parte finale della regular season per tenere a referto gli under e non perdere il premio economico Baraldi dice: “La Virtus non fa questi ragionamenti, non sarà qualche migliaio di euro a influenzare le strategie tecniche, decise da chi cura la parte sportiva. Non ci faremo condizionare da queste situazioni, perché non so dove saremo alla fine del campionato, ma so che non dovremo avere rimpianti, puntiamo alla miglior posizione possibile”.

Baraldi apre poi alla possibilità di andare sul mercato: “Come ha detto Bucci, se si vedrà la possibilità di migliorare il roster con un’aggiunta, noi siamo disponibili a sostenere l’operazione. Vogliamo arrivare ai playoff con il gruppo al completo, sulla base delle idee dello staff tecnico e dirigenziale. Se loro ritengono manchi qualcosa, bisogna che lo andiamo a cercare. Posso garantire che lo faremo”, allora vediamo chi sono i nomi fatti che circolano per arricchire il roster bianconero.

In principio fu Jeff Viggiano

Fino a poco tempo fa le voci di mercato davano lo staff bianconero alla finestra in attesa di capire la situazione che riguarda Jeff Viggiano. L’italo-americano in Serie A con l’Umana Reyer Venezia, ha tenuto una media di 12,4 minuti di gioco con 3,3 punti partita (40% da due, 37,1% da tre e 66,7% ai liberi), guadagnandosi un discreto minutaggio a causa dell’assenza “forzata” per infortunio (fuori da metà gennaio) di Stefano Tonut sempre più vicino però al rientro. L’ala, vedendosi quindi calare il minutaggio a disposizione (8,6 minuti a partita di media le prime 13 giornate giocate da Viggiano con Tonut presente) potrebbe essere “tentata” dal valutare altre proposte e la V nera potrebbe inserirsi e approfittare della situazione.

La voce del ritorno di Poeta…

Nella girandola di nomi si è letto anche di ritorni eccellenti, è di ieri l’articolo di Walter Fuochi su “La Repubblica” che dà i bianconeri focalizzati su un ritorno suggestivo come quello di Giuseppe Poeta. Il play ed ex capitano bianconero classe 1985 nella Canadian Solar Bologna (stagione 2010-11 e 2011-12) poi Oknoplast Bologna (2012-13), non ha mai nascosto il suo amore per la Virtus potrebbe essere un ritorno sicuramente molto suggestivo fattibile se la Fiat Torino non riuscisse ad andare ai playoff, anche in questo caso i bianconeri sono alla finestra per capire l’evolversi della situazione. Questa mattina comunque è già arrivata la smentita del play della squadra piemontese come riporta “Sportando” dove su “La Stampa” il ragazzo ha dichiarato “Spero di rimanere a Torino oltre la durata del mio contratto”…

Un altro ex Verona, si guarda a Giuri?

Il nome che si fa oggi per l’innesto bianconero nel ruolo di play è quello di Marco Giuri oggi alla Pasta Reggia Caserta. A fare il nome del brindisino questa mattina è Massimo Selleri su “Il Resto del Carlino”, classe 1988 di 194 cm il ragazzo oggi a Caserta è stato già alla corte di coach Alessandro Ramagli nella stagione 2014-15 nella Tezenis Verona dove ha avuto anche come compagni di squadra Michael Umeh e Klaudio Ndoja. In questa stagione il play brindisino nelle 21 giornate disputate fino ad ora, gira ad una media di 5,7 punti partita con 24 minuti giocati (48,6% da due, 38,5% da tre e 80% ai liberi).

About The Author

Related posts