29 Luglio, 2021

Serie A 2020-21 Top & Flop
della stagione 02:
Virtus Bologna

Serie A 2020-21 Top & Flop <br>della stagione 02: <br>Virtus Bologna

La stagione della Virtus Segafredo Bologna tra Chiara Bugamelli

TOP

Il cappotto firmato
4-0 rifilato alla storica rivale Milano e scudetto riportato a Basket City dopo 20 anni. Per una volta il cappotto firmato ad Armani lo ha cucito qualcun altro.

Il patto del caffè
Tramandano le cronache cittadine che la Trinità bianconera – Beli, Teo e Markovic- abbia cementato il proprio magnifico sodalizio al tavolino di un caffè del centro. Visto l’esito, speriamo portino avanti questo rito anche durante il prossimo campionato. E se il caffè è marca Segafredo lo spera anche il sior Zanetti.

Alessandro Pajola
Miglior under 22 della stagione regolare 2020/2021 della Serie A. Il “cinno” cresciuto in casa Virtus è un finto giovane che vale come un americano, è considerato serbo dai serbi e si ispira al greco Diamantidis, signore dei furti di palla. Cestisticamente è maturato in maniera esponenziale alla scuola serba di Djordjevic e compagnia, aggiungendo alla spiccata indole difensiva, anche intraprendenza in attacco. Un veterano in erba che è un piacere vedere sul campo per passione e capacità di iniettare linfa vitale alla squadra nei momenti critici.

La sera dei miracoli
“… La gente corre nelle piazze per andare a vedere/ Questa sera così dolce che si potrebbe bere/Da passare in centomila in uno stadio”. Così cantava il mitico Dalla e così è stato: nella sera più miracolosa da vent’anni a questa parte, alla Segafredo Arena non saranno stati centomila, ma si sono fatti sentire.. Finalmente il tifo sugli spalti e la festa esplosa in piazza e nelle strade, l’urlo liberatorio del tifoso virtussino e dell’essere umano da tempo ridotto in cattività dal Covid. “Ma questa sera vola/le sue vele sono mille lenzuola” o, meglio, mille bandiere bianconere.

Eurocup
Al netto della rovinosa caduta finale contro Kazan, la marcia trionfale della Virtus è degna d’essere annoverata tra i momenti Top della stagione.


FLOP

Eurocup
Arrivare sul più bello con un percorso netto aveva fatto pregustare ad ogni tifoso virtussino il dolce sapore dell’Eurolega. E invece dal freddo inverno russo è giunta la sentenza che ha congelato i sogni di gloria della Segafredo.

Provaci ancora Josh
Passato dal vincere il premio di Most Spectacular Player della Liga ACB a quello di panchinaro dell’anno. La guardia dell’Arizona solo in rare occasioni ha lasciato il segno durante la stagione appena conclusa, tanto che nel finale DJ lo ha definitivamente relegato al ruolo di sventolatore di asciugamani imbullonandolo alla panca.

Blitzkrieg
Flop dei flop la guerra lampo scatenatasi in casa Segafredo che ha portato all’esonero-non esonero di Djordjevic dopo la sconfitta contro Sassari. Ira funesta del sior Zanetti o semplice scaramuccia in famiglia non è dato saperlo. Quello che resta è tanto rumore per nulla e un rapporto coach-società compromesso. Palle perse: tallone d’Achille per tutta la stagione, con le innumerevoli palle sfuggite al controllo delle Vu nere si potrebbe tranquillamente addobbare l’abete natalizio di Piazza Maggiore.

Il senso di Gamble per la lunetta
Dotato di fisicità e atletismo, Julian è un giocatore che può sempre dire la sua. Ma dalla lunetta non c’è verso di infilare il paniere.


Chiara Bugamelli BasketCity.net

About The Author

Related posts