02 Ottobre, 2022

Serie A playoff 2021 Quarti G1:
coach Aleksandar Djordjevic post match

Serie A playoff 2021 Quarti G1: <br>coach Aleksandar Djordjevic post match
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

La conferenza stampa post match di coach Aleksandar Djordjevic e Max Menetti al termine della partita Virtus Segafredo Bologna-De’ Longhi Treviso, giocata alla Segafredo Arena e vinta dai bianconeri (nel video realizzato dalla Virtus Pallacanestro), per quella che è stata Gara1 playoff di Serie A UnipolSai 2020-21.

“Primo tempo di questa prima gara è andato nella direzione giusta per noi, penso che eravamo abbastanza pronti ad affrontare qualsiasi sorpesa preparata da coach Menetti, sicuramente bravissimo a preparare qualche trappola, mi aspettavo qualcosa di diverso dalle altre partite. Comunque qualsiasi cosa hanno provato siamo riusciti a risolvere con una bella concentrazione.

Non mi sono piaciute le tante palle perse nel secondo quarto, tante anche dai nostri lunghi, in quel periodo avremmo potuto chiudere il primo tempo con miglior margine, questa sicuramente è stata la parte superficiale di questa gara.
Abbiamo continuato a giocare, abbiamo anche alzato il muro in difesa, Pajola ha avuto un ottimo impatto sulla partita, Markovic è ancora indietro e per domani mi aspetto un’altra partita tosta.

Dobbiamo prepararci, mangiare bene (non è una battuta) e recuperare le energie per domani, abbiamo dosato bene i minutaggi, l’importante era partire 1-0 in questa serie nei quarti”.

Nella prima parte di gara la Virtus chiude bene l’area in difesa costringendo Treviso a tirare da fuori, nella seconda fase di gara molto meglio la difesa sul perimetro…
“Un piccolo tema di uno dei timeout del primo tempo è stato la difesa uno contro uno, una volta fermato il sistema bisognava giocare con più garra e più energia per fermare questi tiri dove Treviso ha buoni tiratori con Sololowski in gara e anche Logan è partito bene, quando siamo riusciti a chiudere quelle fasi li abbiamo limitati. C’era una bella differenza nel rimbalzo che avremmo potuto sfruttare di più andando con qualche contropiede in più”.

Una partita molto saggia di Teodosic e Belinelli, in controllo dei loro fondamentali…
“Sono d’accordo, buone letture, non ho nulla da aggiungere. Hanno giocato da leader, che è quello di cui ha la squadra ha bisogno, sono stati concentrati e hanno speso energie anche in difesa, bene! Sicuramente entrambi sono bersagli delle difese, ma il gioco con palla in mano di Teo è sempre in continuo raddoppio da parte di Treviso e le uscite dai blocchi di Belinelli ormai ci stanno cambiando, ma noi siamo stati bravi a non perdere fluidità e siamo riusciti a sfruttare di più qualche vantaggio sotto canestro quando ci sono questi cambi e i lunghi vanno fuori. In questo movimento di palla dobbiamo migliorare”.

Ti sei arrabbiato sul loro gioco in transazione nella vostra parte difensiva
“Lo è anche facendo un semplice fallo, non è una cosa tatticamente difficile da fare, gli tocca fare quella roba li, ma sicuramente loro sono molto veloci con la palla e noi eravamo preparati per questa velocità. Ci hanno aggredito in campionato a Treviso con la stessa velocità, sono partiti molto forte, ci hanno provato anche qui questa sera.
Si torna in difesa, e soprattutto dopo qualche palla persa è difficile da fare, questo è un compito, fermare questo gioco in transizione giocando molto più chirurgici in attacco con buone scelte fermare questo gioco in transizione”.

Si può dire che avete centrato il target che volevate? 90-91 punti sono un potenziale che può avere la tua squadra, li può fare sempre mentre 70-72 è il limite che volete tenere gli altri?
“Magari, oggi è andato bene, domani sarà completamente diversa la partita, però oggi siamo stati bravi”.


Fonte: Ufficio Stampa Virtus Pallacanestro Bologna (www.virtus.it)

About The Author

Related posts