19 Giugno, 2024

Una bella Virtus batte Trento

Una bella Virtus batte Trento
Photo Credit To Matteo Marchi / Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

La sconfitta con Napoli ha evidentemnte lasciato il segno, la Virtus entra in campo e si prende d’autorità fin da subito la partita, togliendo ogni vaga speranza a Trento di poter fare l’impresa. Pur con assenze e rotazioni a 9, la Segafredo conduce fino a +28 nel 3° quarto, nonostante Crawford esibisca una prova balistica ai limiti dell’irreale (fino a triple 7 a fila su 7).

Non lascia nulla d’intentato la Virtus, un ottimo giro palla che porta a far segnare con facilità chiunque, Ojeleye fin da subito per dare il là alla serata, con Bako abbonato alle schiacciate, quasi sempre ispirate da Shengelia, ma buone note arrivano anche dai rientri di Teodosic (subito protagonista davanti) e Pajola (diga insuperabile dietro, qui ben coadiuvato anche da Weems), ma balzi e lampi pure da Mickey.

Medie al tiro pazzesche, 81% da 2 e 52% da 3, calate solo in un avvio di ultimo quarto da spina sconnessa (ma sempre 74% e 50%), al minimo sentore di rientro ospite (dal -28 al -14) la reazione è arrivata. Per oggi bene così, 1° posto confermato.


Scariolo parte con Bako (fuori Jaiteh per problemi muscolari) dopo l’apparazione flash con l’Olimpia e Hackett alla guida, Molin va con Conti nei 5 e Flaccadori in play, il talento di Spagnolo è tenuto di rincorsa. Parte forte la Virtus tripleggiando, dietro però qualche buco c’è, la fuga non prende piede. Col giro dei cambi e i palloni al bacio di Toko è +9, dopo 6:32 si rivedono Teo&Pajo con quintetto piccolo, Semi da 4. Con Weems e Pajola in campo la Dolomiti non segna più, ad allungare il divario in doppia cifra ci pensa Milos, +12 alla prima sosta. Virtus meglio in tutto, il doppio a rimbalzo.

La Virtus allarga il divario complice una giocata alla Teodosic di Teodosic per Mickey, poi 3 triple a fila di Crawford suturano il -16. Ci mette poco tempo la Segafredo a sistemare i giochi, passando da quella cassaforte che è oggi Ojeleye, toccando il +18 alla pausa lunga con già 49 punti a referto, frutto del 79% da 2 e del 54% da 3. Poco male fanno le 7 perse se di là tiran bene (ma poco da 3) e molto male da 2, mentre a rimbalzo è sempre doppiaggio.

Si riparte con Toko che manda a schiacciare Bako fino a stancarsi, il divario oltrepassa i 20. A mantenere le distanze ci pensa Belinelli, mentre Crawford continua il suo tiro a segno dall’arco per il +21, quai “misero” all’ultima pausa, tirando 81% da 2 e 52% da 3.

Stacca la spina ad avvio ultimo quarto la Segafredo, l’attacco diviene statico ed inefficace, dietro si lasciano transizione e rimbalzi, il +28 in poco tempo diviene +14 con bonus bruciato in 2’. Qualche attenzione in più, qualche cambio per far rifiatare e il pericolo è scacciato con spazio anche per il giovanissimo Faldini. Vittoria portata in porto senza eccessivi patemi, obiettivo primo posto mantenuto.

Prossima partita sarà mercoledì ore 20:00 in LBA a Scafati, streaming su Eleven Sport e RadioNettunoBologna1.

Il tabellino

Virtus Segafredo Bologna-Dolomiti Energia Trentino 96-80 
(23-11; 49-31; 77-56)
Virtus Segafredo Bologna: Faldini, Belinelli 13, Pajola 3, Bako 10, Shengelia 12, Hackett 11, Menalo, Mickey 10, Camara 2, Weems 10, Ojeleye 18, Teodosic 7. All. Scariolo.
Dolomiti Energia Trentino: Conti 4, Spagnolo 6, Forray 9, Flaccadori 6, Udom 10, Crawford 21, Ladurner 3, Grazulis 7, Atkins 12, Lockett 2. All. Molin.
Arbitri: Lo Guzzo, Gonnella, Pepponi.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts