05 Febbraio, 2023

Virtus, a Bucci le chiavi per costruire il futuro

Virtus, a Bucci le chiavi per costruire il futuro
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Virtus Pallacanestro

A tre giorni dal Consiglio d’Indirizzo dei Soci Fondatori della Fondazione Virtus si iniziano a delineare le strategie del club bianconero. La prima notizia è stata che sarà ancora la Fondazione a guidare la Virtus Pallacanestro, non essendosi presentati nuovi imprenditori interessati a rilevare nuove quote e tantomeno non essendosi presentato un “uomo forte” in grado di acquisire le quote di maggioranza. Il pressing fatto da alcuni Soci su Massimo Zanetti e sull’uomo che lo rappresenta nella persona di Luca Baraldi non ha dato buon esito, si cerca quindi di coinvolgere sempre di più il patron della Segafredo con un entrata in dirigenza di Baraldi e di un’eventuale sposorizzazione importante sulle maglie del prossimo anno.
Il budget messo a disposizione dalla Fondazione è di due milioni di euro, cifra che prevederà l’iscrizione alla Serie A2 con una finestra aperta sulla questione ripescaggio vista la situazione delicata che sta attraversando la Juvecaserta, la costruzione della squadra e dei suoi quadri dirigenziali per la prossima stagione e infine il mantenimento del settore giovanile.
Alberto Bucci ha ricevuto carta bianca per la costruzione di quella che sarà la nuova struttura a partire dai quadri dirigenziali, la cifra messa a disposizione si aggira sui 600-700 euro per comporre il roster. Dato per fatto il ruolo di Team Manager che sarà ricoperto da Gianluca Berti, il Presidente Virtus lavorerà insieme a Pietro Basciano alla ricerca della figura giusta per quel che riguarda gli altri ruoli da ricoprire. Per quel che riguarda il Direttore Sportivo Daniele Della Fiori sembra essere cosa fatta, come General Manager rimane sempre in pole Alessandro Vecchi ma si fa largo la voce sempre più insistente (come detto più in alto) di un’entrata in dirigenza di Luca Baraldi, vedremo. Anche Alessandro Ramagli oggi sotto contratto con Siena è sempre più vicino alla Virtus, Daniele Cavicchi potrebbe affiancarlo come secondo e, se dovessero esserci intoppi con Ramagli la strada scelta è quella di Andrea Mazzon.
Il budget messo a disposizione di Bucci dalla Fondazione per la costruzione della squadra è sufficiente per realizzare un buon campionato, partendo come base dalla linea verde che vedrà in Oxilia, Penna e Pajola tre giovani su cui puntare e col sogno del Presidente di un colpo tra Fontecchio (anche se lo si dà già verso Reggio Emilia), Mazzola e Vitali col terzo più papabile rispetto agli atri due.
Fino a pochi giorni fa, voci avevano messo in discussione il mantenimento di quello che è sempre stato un vanto della società bianconera e cioè il settore giovanile. Visto i costi importanti (si parla di una gestione che si aggira sui cinquecentomila euro) la Fondazione ha deciso di fare un passo indietro mantenendo intatto tutto quello che è storicamente un vero e proprio fiore all’occhiello della Virtus. Basti pensare che a oggi i ragazzi dell’Under 18 di coach Federico Vecchi vincendo lo spareggio contro la Benetton Treviso per 85-60 si sono qualificati per la Finale Nazionale Under 18 di Pordenone in programma dal 12 al 18 giugno, gli Under 15 di Giordano Consolini sono volati ai quarti della Finale Nazionale Under 15 di Bassano del Grappa, l’Under 14 di Mattia Largo ha conquistato la Finale Regionale del campionato Under 14 Elite.

About The Author

Related posts