24 Maggio, 2022

Virtus, a Milano arriva la sconfitta dopo un supplementare

Virtus, a Milano arriva la sconfitta dopo un supplementare
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

La Virtus Bologna esce sconfitta dal Mediolanum Forum di Assago al termine di un match pazzesco, che i padroni di casa hanno comandato per tutta la gara, ma che i bianconeri hanno avuto la forza di portare ai supplementari, dove però l’esito non è stato quello sperato.
Cronaca: mancano tantissimi giocatori, pure Delaney all’ultimo minuto per un problema al ginocchio.


Coach Scariolo parte con Pajola, Teodosic, Weems, Alibegovic e Sampson, mentre Coach Messina schiera Rodriguez, Grant, Melli da ala piccola su Teodosic, Bentil e Hines.
Pronti via e la Virtus non c’è, 8-0 Milano, con 6 punti di Melli. Sampson schiaccia, ma Rodriguez fa 11-2 con la prima tripla di serata di Milano.
Alibegovic realizza l’11-4, Bentil e Teodosic si scambiano una tripla, Grant mette un libero e Ruzzier la tripla del 15-10.
Belinelli inizia a mettersi in ritmo con 5 punti, interrotti solo da un canestro di Hall, la Virtus è lì, 17-15 al 7’.
Weems pareggia a 17, Jaiteh risponde a Biligha e Bentil e si arriva agli ultimi secondi sempre in parità, prima che una tripla un po’ fortunosa di Hall sulla sirena dia il vantaggio a Milano 24-21 al termine del primo quarto.

Il secondo periodo inizia col canestro ancora di Jaiteh, poi Weems regala con un bell’appoggio il primo vantaggio alla Virtus sul 24-25 al 12’.
Hines segna a rimbalzo d’attacco (14 quelli presi da Milano, contro gli 8 della Virtus), ma Belinelli da 3 segna il 26-28.
Jaiteh allunga sul 26-30, ma 2 triple di Rodriguez e Grant ribaltano la situazione, 32-30 Milano.
Belinelli pareggia, ma 5 punti di fila di Rodriguez (14 all’intervallo), portano Milano sul 37-32.
Alibegovic con la tripla e Sampson pareggiano subito, ma Milano è ispirata da 3 (10/17 all’intervallo) e Hall mette quella del 40-37.
Alibegovic e Melli segnano in avvicinamento, Tarczewski segna con evidente fallo di Sampson non fischiato (pazzesco), 44-39.
Weems da 3, 44-42, libero di Kyle, tripla di Grant e altro canestro di Weems, 47-45 Milano a 1’33”.
Qui avviene un episodio quasi decisivo per la gara, l’Olimpia piazza un break di 7-0 con triple di Rodriguez e Melli e un libero di Grant per un tecnico fischiato a Teodosic (Begnis non vedeva l’ora), 54-45 per i padroni di casa all’intervallo, con la difesa bianconera non pervenuta.

Nel terzo quarto Milos segna subito da 2, ma Hines e Grant danno il primo vantaggio in doppia cifra a Milano sul 58-47.
Ancora Teodosic, da 3, per il 58-50.
Purtroppo in questo quarto la Virtus non riesce ad avvicinarsi, i canestri di Teodosic e Jaiteh sono rintuzzati da quelli di Melli e Grant, al 25’ Milano ha ancora 11 punti di vantaggio sul 69-58.
Il reverse di Biligha vale il +13, Belinelli e Ruzzier portano la Virtus a -9 sul 71-62, 4 punti di Alviti e la tripla del Beli valgono il 75-65 che chiude il terzo quarto, Milano ha vinto ogni parziale.

Lo stesso Capitano bianconero inaugura il quarto periodo con un’altra tripla, ma Bentil gli risponde con la stessa moneta, 78-68.
La Virtus difende tatticamente, parte a zona e poi passa a uomo sul primo passaggio, ma non riesce a contenere l’ispirato attacco milanese.
Hines segna in contropiede l’80-68, ancora Belinelli da 3, 80-71.
Ancora Hines e Grant ridanno il massimo vantaggio a Milano, 84-71 al 34’, la Virtus è onestamente in balia dei milanesi.
Un gioco da 3 punti di Jaiteh vale il -10, 84-74, ma Bentil segna facilmente da sotto su assist di Rodriguez. 5 punti di Teodosic riportano la Virtus a -7, 86-79 a 3’47” dalla fine, la tripla di Grant sembra la prima pietra tombale sulla partita, ma 4 punti di Belinelli valgono il -6, 89-83, a -2’26”. Weems sbaglia la tripla del -3, Hines dal gomito della lunetta segna il piazzato del 91-83, Jaiteh converte un assist di Teodosic, ma Bentil mette la tripla del 94-85 a 52” dal termine.
Finita? Neanche per sogno!
3/3 di Belinelli dalla lunetta, errore di Hines, canestro in entrata di Teodosic a -20”, 94-90.
Fallo su Hall, che fa 1/2 ai liberi, altro grande assist di Teodosic per Belinelli, che appoggia il 95-92 a -15”.
Altro fallo tattico, il quinto di Milos, su Grant, fin lì MVP assoluto della partita.
Il nipote del mitico Horace incredibilmente fa 0/2, rimbalzo di Jaiteh, Pajola evita il fallo a metà campo, serve Belinelli che si alza da oltre l’arco e insacca la tripla del 95 pari a 4” dalla fine, incredibile!!

Timeout Messina, rimessa a metà campo, la palla arriva a Grant, che però con il floater di mano destra (la sua mano debole) prende solo il primo ferro, overtime!!
La Virtus inizia alla grande, Weems (usato tanti minuti da 4 per le negative prestazioni di Alibegovic e Sampson, grande match di sacrificio per Kyle) segna la tripla del 95-98.
Sembra un momento catartico, invece Milano reagisce: 2/2 ai liberi di Grant, tripla di Hall e 100-98 a metà del supplementare.
Le squadre sono stanchissime, Jaiteh mette un libero, Milano non segna più da 3, ma la Virtus non controlla 2 rimbalzi e i milanesi restano in attacco.
La seconda rimessa, rivista all’instant replay, pare evidenziare un ultimo tocco netto di Bentil, ma gli arbitri si appellano alla non totale chiarezza delle immagini e restano con la decisione originale.
Questo porta al canestro in entrata di Hall a -38”, 102-99, Pajola perde palla a -28”, la Virtus decide di non fare fallo (giustamente), così Rodriguez tira allo scadere dei 24”, la palla esce, rimbalzo di Alexander, la palla arriva a Weems che tira in fade away da 3, tutto storto: la palla beffardamente gira sul ferro ed esce.
Vince Milano, ma la Virtus è lì.

Il tebellino

A|X Armani Exchange Milano-Virtus Segafredo Bologna 102-99 d. 1 t.s. 
(24-21, 54-45; 75-65, 95-95)
A|X Armani Exchange Milano: Melli 11; Grant 20; Rodriguez 16; Leoni n.e.; Tarczewski 2; Biligha 4; Hall 18; Alviti 4; Hines 14; Bentil 13; Invernizzi n.e.; Trovarelli n.e. All. Messina
Virtus Segafredo Bologna: Belinelli 34; Pajola; Alibegovic 7; Ruzzier 5; Jaiteh 18; Alexander; Ceron n.e.; Barbieri n.e.; Sampson 4; Weems 13; Teodosic 18. All. Scariolo.


Mario Corticelli (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts