22 Maggio, 2022

Virtus, altra sconfitta

Virtus, altra sconfitta

Sconfitta per la Virtus che paga un black-out fatale nel secondo quarto dove subisce un parziale di 26-10. La nota lieta di questa giornata che fa ben sperare coach Giorgio Valli è il debutto di Courtney Fells (foto Serra/Virtus Pallacanestro). L’americano infatti ha giocato 28 minuti risultando il miglior realizzatore dell’incontro (18 punti, 6 rimbalzi difensivi e 2 assist), facendo subito vedere di che pasta è fatto e la guardia bianconera si è presentata con una tripla appena messo piede in campo. Col ritorno di Ray e con la guardia si può ben sperare per il futuro. In questa serata però Giorgio Valli sa che dovrà lavorare molto coi suoi ragazzi sulle situazioni offensive, troppe infatti le palle sprecate e buttate per imprecisioni, errori o per soluzioni troppo complicate che portano a tiri imprecisi al limite del tempo dei 24 secondi.

Primo quarto
Bianconeri che nei primi minuti sfruttano al massimo la forza fisica di Pittman sotto canestro, tanto che a 6:53 sul risultato di 8-8 i punti segnati sono tutti suoi. Nel corso della partita in un attimo coi bianconeri sopra di +2 col punteggio di 11-13 Gaddy rimedia due falli nel giro di un niente (4:30-4:45) e Valli lo richiama in panchina facendo entrare così Fells all’esordio coi bianconeri e nel campionato italiano, e l’americano non ci mette poi tanto a presentarsi infilando subito una tripla portando la Virtus sul +5 (11-16).  Una serie di errori fanno scivolare il primo quarto dell’incontro fino a quando per Varese non sale in cattedra Gallaway che prima realizza un libero e poi realizza una tripla che porta sotto Varese sul risultato di 15-16. Poi su botta e risposta di Fells e Wayne che infilano due triple si va sul finire del quarto quando Pittman si prende il secondo fallo e Williams allo scadere prende il rimbalzo da un tiro in attacco sbagliato e infila una schiacciata in tap-in portando i bianconeri a fine periodo per 23-26. Fells (8 punti) e Pittman (9) tengono i bianconeri in vantaggio, nel tabellino vanno anche Odom (3), Gaddy, Williams e Mazzola (2). Per Varese a parte Galloway (12), Wayne (5) e Davies (4) tengono a galla Varese.

Secondo quarto
Disastroso periodo per i bianconeri che partono malissimo commettendo ingenuità, errori ed infrazioni varie. Varese sorpassa la Virtus a 7:30 e da quel momento prende il largo, basti pensare che solo a 6:30 portando il risultato su 30-28 Fells riesce a muovere il tabellino dei punti bianconeri fino a quel momento rimasto a zero con un parziale di 7-2. Ma i bianconeri in questa fase fanno prendere a Varese dei tiri semplici e Valli costretto a due time-out ravvicinati. Il coach mette i bianconeri a zona, e Varese riesce a prendere dei tiri semplici fuori dal perimetro tirando con una percentuale di tutto rispetto (58,1%), mentre i bianconeri più macchinosi hanno faticato parecchio a trovare soluzioni semplici hanno tirato col 46,7%. Ukic (13 punti) e Gallawey (15) in questo periodo fanno quello che vogliono facendo prendere il largo a Varese, da parte bianconera ci si appoggia sempre sul solito Pittman (11) e Fells (10), per il resto macna il contributo degli altri bianconeri infatti troviamo Fontecchio (5) e Odom (4), il resto non pervenuto o quasi. In questa fase Varese fa vedere la sua superiortità piazzando un parziale di 29-10 a fine periodo sul risultato di 52-36.

Terzo quarto
Si riparte con gli auspici di una riscossa bianconera, ma per i primi due minuti è la saga degli errori da parte di entrambe le formazioni. Varese infila il primo canestro a 8:00 con Davies mentre per vedere il primo canestro dei bianconeri si deve aspettare i 3:15 dove Odom mette un canestro e Fontecchio successivamente subisce fallo e realizza due liberi portando il risultato a 54-40. Ma come nel secondo quarto i bianconeri non riescono a trovare tiri facili e affondano arrivando fino a un passivo di -14, che con Fontecchio (8) Fells (6) Mazzola e Odom (4) cercano di tenere a galla i bianconeri fino quasi a colmare il gap. In questa fase è Varese che subisce un parziale di 17-4 a 2:44 da giocare e con il risultato di 56-53. Ma proprio nel momento in cui i bianconeri possono riprendere il risultato Varese torna a prendere il largo, prima su fallo di Mazzola in attacco (+6) rintuzzato da una tripla din un grande Fells riportando i bianconeri a -3 sul punteggio di 61-58. Varese con quattro punti dalla lunetta si riporta sul punteggio di 65-58 e l’ultimo attacco bianconero vede Gaddy approfittare di tutto il tempo dei 24 secondi ma su entrata scarica a Odom che non ne approfitta. Finisce con un parziale a favore dei bianconeri di 13-22 e un punteggio di 65-58 per Varese.

Quarto quarto
Si parte con un errore di Fells in attacco e su rovesciamento di fronte Pittman commette il suo 4 fallo su tiro da tre punti di Faye, che mette tutti i liberi portando Varese sul +10 (68-58). Inizio di ultimo quarto in salita per i bianconeri che cercano sistematicamente soluzioni troppo complicate e non riescono a finalizzare il loro gioco, colpa alcuni scarichi su Pittman non riusciti e tiri dal perimetro troppo complicati. Varese punisce i bianconeri con Ukic e Davies che riportano così i ragazzi di coach Moretti a +12 (72-60). L’incontro scivola con un altro time-out di Valli che cerca di portare ordine ai bianconeri e dare indicazioni in un momento molto delicato della partita e con un quintetto dinamico (Pittman in panchina) i ragazzi di Valli riescono ad arrivare, con un libero di Mazzola e un canestro di Vitali, fino al -6 (72-66) con Odom che su Assist di Vitali mette una tripla. L’intensità difensiva dà la possibilità ai bianconeri di poter arrivare a riprendere il risultato, ma i troppi errori in attacco portano i bianconeri a buttare troppe chances e Varese li punisce facendosi infilare da Campani con un tiro da due sotto canestro che respinge i bianconeri a -8. Dicevamo troppi errori in fase offensiva dei bianconeri, una palla persa da Mazzola e il canestro di Cavalieri a 1:07 portano la Virtus a -10 subito poi ribattuto da Fells che realizza. A 45 secondi dalla fine una serie di falli da parte bianconera porta al gioco della lunetta non cambiando il risultato. I bianconeri perdono 82-75.

Openjob Metis Varese-Obiettivo Lavoro Bologna 82-75
Parziali: 1/4 (23-26) – 2/4 (29-10) – 3/4 (13-22) – 4/4 (17-17)
Openjob Metis Varese: Davies (13), Faye (6), Wayns (14), Ukic (15), Cavaliero (9), Campani (10), Kuksiks (0), Galloway (15),  Molinaro (n.e.), Ferraro (n.e.), Pietrini (n.e.) e Thompson (n.e.). All. Moretti.
Obiettivo Lavoro Bologna: Pittman (11), Vitali (2), Cuccarolo (0), Gaddy (6), Williams (2), Fontecchio (13), Mazzola (12), Fells (18), Odom (11), Fabiani (n.e.) e Oxilia (n.e.). All. Valli.
Tiri dal campo: Varese 26/56 (10/26 da tre), Virtus 29/61 (9/23 da tre).
Tiri liberi: Varese 20/22, Virtus 8/15.
Rimbalzi: Varese 32, Virtus 35.
Assist: Varese 14, Virtus 13.
Arbitri: Martolini, Sardella e Ranaudo.

About The Author

Related posts