29 Settembre, 2022

Virtus, contro Venezia arriva una sconfitta

Virtus, contro Venezia arriva una sconfitta
Photo Credit To Matteo Marchi / Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

A Cavallino Treporti va in scena la seconda semifinale del Trofeo Dalla Riva SportFloor. Belinelli e compagni affrontano nel secondo impegno di preseason l’Umana Reyer Venezia. Indisponibile Hackett e riposo programmato per Teodosic, i due giocatori virtussini hanno seguito lo stesso la squadra per l’amichevole.


Apre Weems da due, risponde Willis da tre, gara frizzante fin dalle prime battute. Venezia prova a prendere subito il primo vantaggio portandosi sul +6 (12-6), Jaiteh e Cordinier chiudono il pitturato virtussino, in attacco la palla gira con più fuidità e la Segafredo ritrova la parità a 3′ dalla prima sirena (12-12); gli orogranata provano a chiudere i primi 10′ di gioco in vantaggio, Ruzzier accorcia le distanze prima che Granger trovi la tripla del 23 a 18.

Secondo quarto che parte con il freno a mano tirato, i carichi di lavoro si fanno sentire per entrambe le squadre e si fatica a trovare la via del canestro, Lundberg fa la voce grossa in difesa e parte due volte in contropiede per il più facile dei tap-in, dall’altro lato Sima segna e tieni i suoi sul +5 (27-22) a metà secondo quarto; Abass è costretto a lasciare il parquet di gioco per infortunio, Ojeleye piazza due triple in rapida successione che valgono il -3 (33-30) a 3′ abbondanti dall’intervallo lungo. Mickey domina su Chillo, nel pitturato avversario è incontenibile e riporta la Segafredo in parità (40-40), scatta l’ultimo minuto di gioco, Ojeleye recupera in difesa e successivamente piazza l’ultimo canestro del primo tempo, Virtus in vantaggio (40-42).

Si lotta su ogni rimbalzo, si difende duro e di conseguenza si segna poco, squadre che rimangono incollate con il punteggio dopo 3′ dalla ripresa del gioco, Belinelli dalla lunetta trova il +4 (42-46), Freeman piazza il break che vale il sorpasso ma Lundberg mette la tripla del nuovo vantaggio bianconero a 5′ dalla terza sirena (47-49). Match che rimane equilibrato, la Segafredo difende bene non lasciando mai tiri puliti ai propri avversari, Weems segna, Camara fa sentire la propria stazza sotto le plance e Cordinier confeziona il +8 bianconero quando manca 1′ al terzo stop della gara. Venezia prova a reagire, accorcia le distanze ma la sirena da il vantaggio ancora alla Virtus Bologna (53-57).

Gara che si innervosisce, troppi fischi da parte dei direttori di gara per essere un semplice match di precampionato. Brooks e compagni si portano sul nuovo +4 ma devono fare i conti con Marco Belinelli che trova la tripla del -1 (61-60). Quinto fallo per Jaiteh che è costretto a lasciare il parquet di gioco, orogranata di nuovo avanti e questa volta toccano il +10, antisportivo per Willis, 1/2 di Ruzzier, 2/2 di Camara e la gara non è ancora finita a 3′ abbondanti dall’ultima sirena (72-65). Alla Virtus non riesce la rimonta finale, l’Umana allunga il vantaggio piazzando il break decisivo. 78 a 67 il punteggio finale.

Umana Reyer Venezia-Virtus Segafredo Bologna 78-67
(23-18; 40-42; 53-57)
Umana Reyer Venezia: Sima 14, Granger 7, Ndoye 4, Freeman 14, Chillo 5, Chapelli, Parks 14, De Nicolao 6, Brooks 7, Venuto ne, Wills 6. All.re: De Raffaele
Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 9, Belinelli 5, Ruzzier 5, Jaiteh 4, Martini ne, Lundberg 11, Menalo, Mickey 13, Camara 6, Weems 4, Ojeleye 10, Abass. All.re: Diana
Arbitri: Di Francesco, Pepponi, Catani.


Fonte: Ufficio Stampa Virtus Segafredo Bologna (www.virtus.it)

About The Author

Related posts