18 Luglio, 2024

Virtus, il preview del match contro l’OriOra Pistoia

Virtus, il preview del match contro l’OriOra Pistoia
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Con ancora nella testa l’impresa di mercoledì scorso con Nanterre, valsa l’accesso alle F4 di BCL previste ad inizio maggio ad Anversa nel gigantesco Sportpaleis, la Virtus è attesa a 2 passaggi casalinghi consecutivi, il primo dei quali con l’OriOra Pistoia, fanalino di coda del campionato con sole 4 vittorie colte sul campo a cui si assomma quella a tavolino con Milano, per darle ancora qualche speranza di salvezza.

La Segafredo dovrà volare sulle ali dell’entusiasmo di una notte che ha cancellato 8 giorni di dubbi e fatiche, ci saranno da scegliere 2 stranieri da mandare a guardare e possibilmente non dare per scontato l’impegno.

Vero è che fin qui l’OriOra è stata di gran lunga la squadra più in difficoltà della stagione, reduce dal cambio allenatore passando dall’ex (in panca) Ramagli all’ex (in campo) Moretti che proprio a Bologna prenderà possesso della squadra, in arrivo dagli U.S.A. per un salto a trovare il figlio Davide, che con Texas Teach si è qualificato per le F4 della NCAA.

Pistoia fin qui ha cambiato se non tutto, tanto, tranne il risultato, rispetto alla formazione affrontata all’andata ci sarà il nuovo play Odom, il “tiratore” designato Tony Mitchell, l’esterno Mesicek oltre all’ex Crosariol, arrivato a rimpolpare una batteria di lunghi sottotono e a dar minuti ad un gruppo italiano fin qui veramente ininfluente.

Sulla carta tutto suona come una partita dove incamerare 2 punti facili ma fondamentali per la corsa ai playoff, che vedono ad oggi la Virtus ad inseguirli fuori dalle prime 8, per un periodo con meno impegni ravvicinati e la possibilità di un maggior lavoro in palestra dove disegnare e cementare un gruppo pronto a molte battaglie a stretto giro da maggio.

Quanto visto mercoledì deve diventare la quotidianità e non la nota stellare di una serata di gioia, facendo della difesa un marchio di fabbrica capace di nascondere attacchi non sempre razionali e coperture a rimbalzo deficitarie.

Qui buone nuove da parte di Qvale, ma il messaggio lanciato e guidato dalla coppia CournoohMartin, ben segnalato da coach Đorđević, dovrà trasformarsi in credo collettivo.

La partita sarà trasmessa in diretta domenica alle ore 19:05 su Eurosport 2 e Player


Luca Cocchi

About The Author

Related posts