19 Ottobre, 2021

Virtus ko a Trento, paura Gaddy-Reddic

Virtus ko a Trento, paura Gaddy-Reddic

DOLOMITI ENERGIA-GRANAROLO 96-81
Trento: Mitchell 22, Sanders 6, Pascolo 14, Grant ne, Forray 10, Bellan 2, Flaccadori 9, Owens 19, Baldi Rossi ne, Armwood 12, Spanghero 2. All: Buscaglia.
Virtus: White 6, Cuccarolo, Gaddy 6, Imbrò 2, Fontecchio 4, Mazzola 16, Oxilia 5, Benetti, Vercellino, Hazell 18, Ray 22, Reddic 2. All. Valli.

Partirà dall’ottavo posto sulla griglia di partenza dei playoff, la Virtus. I bianconeri cadono 96-81 a Trento e quindi nei quarti di finale playoff se la vedranno con Milano: gara 1 il 18 in trasferta, gara 2 il 20 sempre al Forum e gara 3 alla Unipol Arena il 22. La partita di Trento vive attimi di paura quando, dopo una manciata di secondi del terzo quarto, Abdul Gaddy e Juvonte Reddic si scontrano testa contro testa (foto Serra/Virtus Pallacanestro). I due rimangono a terra per lunghissimi minuti, Gaddy esce con un taglio profondo sotto lo zigomo suturato con 5 punti, Reddic con un collarino. A pochi minuti dal termine entrambi tornano in panchina, un po’ storditi ma fortuitamente senza danni gravi.

LA CRONACA: L’approccio è quello visto tante volte quest’anno nelle versioni della Granarolo da esportazione. Trento ha il doppio dell’energia e in campo aperto trova tanti canestri spettacolari con Owens e Mitchell che la spingono sul 27-11. La reazione bianconera, con un 10-0, è guidata dai soliti Hazell e Ray, ma Pascolo risponde colpo su colpo. La Virtus gioca un ottimo finale di tempo (47-44), ma un’ingenuità di White su una rimessa a 1″ dalla fine manda Trento al riposo sul 51-44. In apertura di ripresa, lo scontro Gaddy-Reddic chiude immediatamente i giochi. Senza due titolari, la Virtus deve alzare bandiera bianca finendo anche a -20 e dando spazio ai giovani, con Oxilia che realizza i suoi primi canestri in A.

LA CHIAVE: L’energia iniziale di Trento, con canestri in campo aperto e tanti rimbalzi offensivi per preziosi secondi possessi, indirizza subito la partita costringendo la Virtus a un lungo e dispendioso inseguimento. Il ko dei due americani a inizio ripresa toglie ogni speranza.

I NUMERI: Il 4/24 da tre è una condanna per la Virtus, a cui non basta tirare meglio da due (66% contro 62%). A rimbalzo, Trento comanda 41-35, ma i 15 catturati sotto i tabelloni offensivi sono molto pesanti. Alla fine ci sono ben 27 assist per i padroni di casa con 11 schiacciate. Troppe le 20 perse della Granarolo.

IL MIGLIORE: Jeremy Hazell segna 15 punti nel primo tempo e riporta a contatto la Virtus, i punti di Allan Ray non mancano mai, ma è Valerio Mazzola il più continuo con 16 punti e 6 rimbalzi (7/8 da due) nonostante combatta da solo contro tutto il reparto lunghi avversario.

LE PAGELLE: White 5, Cuccarolo 5, Gaddy 6, Imbrò 5, Fontecchio 5, Mazzola 6,5, Oxilia 6, Hazell 6, Ray 6, Reddic 5,5.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright BasketCity

Related posts