18 Luglio, 2024

Effe, in attesa di Lizzano che aprirà la nuova stagione…

Effe, in attesa di Lizzano che aprirà la nuova stagione…
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Fortitudo Pallacanestro

Momento di riposo in casa Fortitudo che si trova a sole due settimane dal raduno di Lizzano in Belvedere, fissato per il 18 agosto e sancirà ufficialmente il via alla nuova stagione dell’Aquila che la vedrà tra le favorite per la risalita nella Serie A.

Non sarà così semplice ripetersi

È questo l’obiettivo dichiarato da coach Matteo Boniciolli e dalla dirigenza, quello di una risalita nel basket che conta e il roster costruito mette i biancoblù tra i favoriti se non “la favorita” per il salto. Ma se da una parte l’obiettivo sopracitato potrebbe essere uno stimolo, dall’altra il caricare la squadra di questa responsabilità e traguardo finale siamo sicuri che giovi? Lo scorso anno la società era partita, per ovvi motivi, mantenendosi cauta per poi virare e cambiare direzione a metà stagione fissando l’asticella sull’obiettivo playoff, obiettivo più che centrato.

L’unione fa la forza, quanto pesavano i veterani?

La passata stagione il coach e i ragazzi sono riusciti a costruire un gruppo che nell’arco della stagione si è coeso e unito a tal punto, da arrivare a risultati ad inizio stagione inaspettati, portando la Effe a giocarsi la finale playoff contro Brescia.
La perdita però di quei “veterani” che facevano da punto di riferimento ai giovani, con la sostituzione di molti pilastri della passata stagione come Daniel, Flowers, Carraretto (ma alla fine anche Amoroso) per svariati motivi porterebbe a chiedersi se potrebbe spostare gli equilibri all’interno dello spogliatoio.
I “giovani-vecchi” della passata stagione (Candi, Italiano, Montano, Raucci, Campogrande) dovranno cercare di trovare subito l’empatia che si era creata la scorsa stagione coi nuovi arrivati, veterani compresi, cercando di trovare sia dentro il campo che fuori quell’unione che ha portato tutti a lottare tutti nella stessa direzione soprattutto in momenti difficili.

Si è abbassata notevolmente l’età media

La differenza che cade all’occhio è la differenza dell’età media, lo scorso anno infatti il roster composto da Candi 1997 (18 anni), Campogrande 1996 (19), Montano 1992 (23), Italiano 1991 (24), Raucci 1990 (25), Daniel 1990 (25), Quaglia 1988 (27), Sorrentino 1985 (30), Flowers 1985 (30), Amoroso 1980 (36), Carraretto 1977 (39) porta ad un’età media di quasi 26,91 anni che nella fase finale l’aggiunta in extremis di Davide Lamma 1976 (40) ha portato a 28 anni.
Alla partenza di questa nuova stagione con l’inserimento dei nuovi arrivati l’età media si è abbassata notevolmente con Candi 1997 (19 anni), Campogrande 1996 (20), Ruzzier 1993 (23), Montano 1992 (24), Italiano 1991 (25), Raucci 1990 (26), Knox 1989 (27), Roberts 1988 (28), Mancinelli 1986 (30), Gandini 1985 (31) è arrivata a un’età media di 25,30 anni (arrotondando).

L’Aquila vola sull’onda abbonamenti

Continua ad andare a gonfie vele per la Effe la campagna abbonamenti che oggi ha fatto segnare la quota dei 1.607 tagliandi venduti dopo appena una settimana e un giorno, come riporta “Il Resto del Carlino” la cosa che impressiona è che il numero di nuove tessere continuano ad essere superiori rispetto ai rinnovi, l’aria della passata stagione e l’entusiasmo della finale playoff continua a soffiare sulla società biancoblù.

About The Author

Related posts