09 Aprile, 2020

Serie B: l’analisi delle finaliste

Serie B: l’analisi delle finaliste

di Giacomo Bianchi.

Quattro gironi dal nord al sud, cinquantasette squadre e più di seicento giocatori. Un campionato interessante, quello di serie B, dove il limite tra professionismo e dilettantismo è veramente sottilissimo. Dopo sette mesi di stagione regolare e due serie di playoff, tra qualche giorno cominceranno le finali, nelle quali le otto squadre ancora in gioco si sfideranno per tentare di ottenere il pass per le Final-4 che si terranno a Forlì il 13 e 14 giugno. Ci sono squadre quotate e sorprese, andiamo quindi a scoprire qualcosa di più di quello che accade anche negli altri gironi, lasciando per un attimo da parte la sfida della Fortitudo, della quale avremo modo di parlare ampiamente.

GIRONE A. Sarà Siena-Cecina la finale, con i più quotati biancoverdi che avranno il vantaggio del fattore campo. Prima e seconda classificata al termine della regular season, la Mens Sana ha eliminato ai quarti di finale Piombino (2-1) e in semifinale Livorno (3-0, ma con partite molto tirate); Cecina invece ha avuto la meglio sulla Bottegone Basket ai quarti di finale (2-0) e Varese in semifinale (3-0 facile, con 20 punti di media di scarto nelle tre gare). Entrambe hanno rispettato il pronostico, vediamo cosa succederà in questa serie finale che sembra molto equilibrata; le due gare di regular season sono state vinte da chi giocava in casa e con scarti molto ridotti, viene da pensare che sarà una serie piuttosto lunga. Sarà la vincente di questa sfida a incrociare nella Final Four quella tra Fortitudo e Montichiari. Chiaro che il fascino di un’eventuale Fortitudo-Mens Sana sarebbe altissimo.

GIRONE C. Girone nel quale i pronostici sono stati ribaltati: in finale ci sono arrivate Rieti (seconda classificata) e l’Eurobasket Roma allenata da Davide Bonora, addirittura quinta classificata al termine della regular season che è stata capace di eliminare Senigallia ai quarti (1-2) e la superfavorita Palestrina in semifinale (1-3), andando a vincere entrambe le volte almeno una gara in trasferta. Fuori dunque le più quotate Palestrina e Montegranaro e dentro Rieti, che torna in finale per il secondo anno consecutivo (perse 2-0 vs Latina lo scorso anno). Interessante il dato che riguarda lo svolgimento delle gare: si comincerà il 02/06, con eventuale gara-5 il 10/06, proprio a ridosso delle F4. Può diventare un’arma a doppio taglio per chi ci arriverà, che da un lato avrà ancora la carica agonistica delle ultime partite, ma dall’altro potrà risentire delle tante gare in pochi giorni. Sarà una finale interessante, con Rieti favorita ma con Roma che, galvanizzata dalle vittorie inaspettate, può essere davvero una mina vagante. Anche in questo caso, in regular season, ha avuto la meglio chi ha giocato in casa e il bilancio è 1-1.

GIRONE D. Sarà Agropoli-Palermo la finale, con i siciliani che sono approdati all’ultimo atto del loro girone con la vittoria in gara-5 di ieri sera contro la favorita Bisceglie. Agropoli ha invece chiuso le due serie senza nemmeno perdere una partita (2-0 contro Martina Franca e 3-0 contro Pescara) ed è l’unica squadra – insieme a Montichiari – che ha partecipato alle final-4 di Coppa Italia tra le 8 finaliste (ha perso la finale proprio contro Montichiari). Palermo vola in finale da terza classificata e dopo avere ribaltato la serie contro Bisceglie (era sotto 1-2 in semifinale e ha vinto 3-2). Sarà un’altra sfida equilibratissima, anche se in regular season entrambe le gare sono state vinte da Agropoli, con addirittura un +16 al Palamangano di Palermo. Ma si sa, nei playoff si azzera tutto e quindi è lecito aspettarsi delle sorprese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright BasketCity

Related posts