24 Settembre, 2021

Olimpiadi di Tokyo,
Italia-Australia 83-86

Olimpiadi di Tokyo,<br> Italia-Australia 83-86

Prima sconfitta nel torneo olimpico per l’Italia, che cede all’Australia col punteggio di 83-86 al termine di un match di grande spessore e giocato alla pari contro una delle formazioni più forti tra le pretendenti ad una Medaglia. Una prova che non porta punti ma che continua ad incrementare la fiducia nel gruppo Azzurro, atteso ora dall’ultima e decisiva sfida contro la Nigeria sabato prossimo 31 luglio (06.40 italiane, 13.40 in locali).

A causa della vittoria della Germania sulla Nigeria nella mattinata giapponese, all’Italia serve una vittoria per non doversi trovare a sperare negli altrui risultati o in calcoli matematici.

Sapevamo che sarebbe stato complicato – ha detto il CT Meo Sacchettie il dispendio di energie di alcuni dei nostri per togliere gioco a Patty Mills lo abbiamo poi pagato in termini di lucidità. Guardando poi al finale, forse potevamo evitare di perdere qualche rimbalzo in più e quando si è creato il gap di 7 punti non siamo più stati in grado di recuperare. Ci sarebbe piaciuto battere l’Australia soprattutto dopo una prestazione così. Contro la Nigeria non sarà una passeggiata e dovremo essere bravi a non concedere loro di giocare sul piano fisico perché andremmo in difficoltà”.

Nico Mannion è stato il secondo giocatore più prolifico dell’intero match con 21 punti

Abbiamo giocato bene, di squadra, dando tutto in campo ma non è bastato. D’altra parte sapevamo quanto fosse forte l’Australia, che ha tanti campioni e oggi ha tirato benissimo andando con grande energia a rimbalzo. È stata una partita durissima ma siamo stati bravi a tenerla in equilibrio fino alla sirena. Abbiamo tanti margini di miglioramento, ora due giorni di riposo e poi affrontiamo un altro grande avversario come la Nigeria, testa alla prossima. È il bello di giocare un torneo olimpico”.

  1. La partita

    È una bella Italia fin dalle prime battute. Chi si aspettava un’Australia dominante deve ricredersi perché il piglio degli Azzurri è quello delle grandi occasioni, che ultimamente accadono spesso. Il botta e risposta dei primi minuti viene interrotto dal primo mini strappo “Aussie” (15-21), ricucito senza problemi e soprattutto con la solita personalità fino al 25-25 di fine prima frazione. Ad inizio secondo quarto piccolo show di Nico Mannion, che con 7 punti in fila fa scattare la squadra di Sacchetti fino al 30-25. Aggrappati ai centimetri di Baynes, Kay e Landale, gli australiani rientrano e pareggiano ma proprio in quel momento l’Italia non molla, difende allo stremo e restituisce il parziale con gli interessi: il 6-0 è propiziato da una tripla di Giampaolo Ricci, non entrato con la Germania e subito caldo quando chiamato in causa. Con 4 punti consecutivi si sblocca anche Achille Polonara, a secco nella gara contro i tedeschi; lui e Simone Fontecchio (12 punti nel primo tempo, 22 alla fine, nuovo career high Azzurro) spingono gli Azzurri al +1 dell’intervallo (45-44).

    Ad inizio secondo tempo l’Italia prova a scappare con la tripla di Polonara e i canestri di Mannion (52-46) ma i “Boomers” annullano tutto e contro-sorpassano. È il momento più delicato del match per Melli e compagni, che finiscono sotto di 6 (52-58) al 25esimo subendo un parziale di 12-0 interrotto per fortuna da una tripla del solito Polonara. Riemergiamo anche grazie all’apporto di Michele Vitali, fondamentale per il nuovo pareggio (65-65). Il nuovo strappo degli avversari si rivela quello decisivo, visto che da quel momento in poi l’Italia insegue vanamente fino alla fine. La tripla di Ingles (73-80) fa malissimo e spegne di fatto i sogni di gloria di un’Italia che però ha dimostrato di poter ancora dire la propria in questo torneo.

    Tutte le partite della Nazionale saranno in diretta su Rai Due (durante il live potranno esserci flash da altri campi gara in caso di possibili medaglie Azzurre) e su discovery+ e Eurosport Player.

  2. I tabellini

    Italia-Australia 83-86
    (25-25, 20-19, 17-21, 21-21)
    Italia: Spissu*, Mannion 21 (8/10, 1/5), Tonut* 8 (0/1, 2/3), Gallinari 5 (2/4, 0/1), Melli* (0/2, 0/1), Fontecchio* 22 (9/13, 1/4), Tessitori ne, Ricci 7 (2/2, 1/1), Moraschini 2 (0/2), Vitali M. 6 (1/1, 1/3), Polonara* 12 (3/6, 2/6), Pajola (0/1 da tre). All: Sacchetti
    Australia: Goulding (0/1, 0/2), Mills* 16 (4/8, 2/9), Green, Ingles* 14 (1/2, 4/9), Dellavedova* 2 (0/1, 0/2), Sobey (0/1, 0/1), Thybulle 7 (1/2, 1/1), Exum (0/1, 0/1), Baynes* 14 (4/8, 2/3), Landale* 18 (6/9, 1/2), Reath ne, Kay 15 (5/6, 1/1). All: Goorjian

    Tiri da due Ita 25/41, Aus 21/39; Tiri da tre Ita 8/25, Aus 11/31; Tiri liberi Ita 9/10, Aus 11/14. Rimbalzi Ita 30 (7 Polonara), Aus 44 (7 Baynes, Landale, Kay). Assist Ita 16 (7 Mannion), Aus 26 (5 Mills, Ingles).
    Usciti 5 falli: nessuno
    Arbitri: Michael Weiland (Canada), Steven Anderson (USA), Ahmed Ali Yaseen Al-Shuwaili (Iraq)


    Italia-Germania 92-82
    (22-32, 21-14, 25-26, 24-10)
    Italia: Spissu ne, Mannion* 10 (2/5, 2/5), Tonut* 18 (6/8, 2/5), Gallinari 18 (4/7, 2/2), Melli* 13 (3/5, 2/5), Fontecchio* 20 (2/8, 5/5), Tessitori (0/1), Ricci ne, Moraschini 8 (1/2, 1/2), Vitali M. 3 (1/1 da tre), Polonara* (0/6 da tre), Pajola 2 (1/1). All: Sacchetti
    Germania: Bonga* 13 (3/4, 2/4), Saibou 6 (3/4, 0/1), Lo 24 (3/3, 6/9), Giffey* 3 (0/2, 1/1), Wimberg, Voigtmann* 3 (1/2 da tre), Benzing (0/2 da tre), Wagner 12 (3/9, 0/1), Wank, Barthel* 5 (1/5, 1/1), Thiemann 4 (2/3, 0/2), Obst* 12 (0/2, 4/9). All: Rodl

    Tiri da due Ita 19/37, Ger15/32; Tiri da tre Ita 15/31, Ger 15/32; Tiri liberi Ita 9/12, Ger 7/9. Rimbalzi Ita 35 (9 Melli), Ger 34 (6 Voigtmann). Assist Ita 20 (7 Mannion), Ger 15 (4 Bonga, Lo, Voigtmann).
    Usciti 5 falli: nessuno
    Note: partita giocata a porte chiuse
    Arbitri: Antonio Conde (Spagna), Ahmed Ali Yaseen Al-Shuwaili (Iraq), Yevgeniy Mikheyev (Kazakhstan)

  3. Nazionale italiana

    #0 Marco Spissu (1995, 184, P)
    #1 Niccolò Mannion (2001, 188, P/G)
    #7 Stefano Tonut (1993, 194, G)
    #8 Danilo Gallinari (1988, 208, A)
    #9 Nicolò Melli (1991, 206, A)
    #13 Simone Fontecchio (1995, 203, A)
    #16 Amedeo Tessitori (1994, 208, C)
    #17 Giampaolo Ricci (1991, 202, A)
    #24 Riccardo Moraschini (1991, 194, G)
    #31 Michele Vitali (1991, 196, G)
    #33 Achille Polonara (1991, 205, A)
    #54 Alessandro Pajola (1999, 194, P)

    All: Meo Sacchetti
    Ass: Lele Molin, Piero Bucchi, Paolo Galbiati

  4. Il programma del Torneo di basket maschile (Saitama Super Arena)

    Domenica 25 luglio

    Germania-Italia 82-92
    Australia-Nigeria 84-67

    Mercoledì 28 luglio

    Nigeria-Germania 92-99
    Italia-Australia 83-86

    Sabato 31 luglio

    Italia-Nigeria (06.40 italiane, 13.40 locali)
    Australia-Germania (10.20 italiane, 17.20 locali)

    Martedì 3 agosto

    Quarti di finale

    Giovedì 5 agosto

    Semifinali

    Sabato 7 agosto

    Finali

  5. La Classifica

    Australia 4 (2/0)
    Italia 3 (1/1)
    Germania 3 (1/1)
    Nigeria 2 (0/2)

  6. Gli altri gruppi

    Gruppo A

    Domenica 25 luglio
    Iran-Repubblica Ceca 78-84
    Francia-Stati Uniti 83-76

    Mercoledì 28 luglio
    USA-Iran 120-66
    Repubblica Ceca-Francia

    Sabato 31 luglio
    Iran-Francia
    USA-Repubblica Ceca

    Classifica

    USA 3 (1/1)
    Francia 2 (1/0)
    Repubblica Ceca 2 (1/0)
    Iran 2 (0/2)


    Gruppo C

    Lunedì 26 luglio
    Argentina-Slovenia 100-118
    Giappone-Spagna 77-88

    Giovedì 29 luglio
    Slovenia-Giappone
    Spagna-Argentina

    Domenica 1° agosto
    Argentina-Giappone
    Spagna-Slovenia

    Classifica

    Slovenia 2 (1/0)
    Spagna 2 (1/0)
    Giappone 1 (0/1)
    Argentina 1 (0/1)

    La formula

    Il torneo Olimpico si disputa dal 25 luglio al 7 agosto. Le 12 squadre qualificate sono divise in tre gironi da quattro formazioni ciascuno. Accedono ai quarti di finale le prime due classificate di ogni girone e le due migliori terze. Per determinare gli accoppiamenti dei quarti di finale verrà effettuato un sorteggio: le tre squadre vincitrici dei tre gironi e la migliore seconda saranno inserite nella prima urna mentre le rimanenti due squadre classificate e le due migliori terze saranno inserite nella seconda urna. Le squadre nello stesso girone della prima fase non potranno essere sorteggiate l'una contro l'altra.


Fonte: Ufficio Stampa Fip (www.fip.it)

About The Author

Related posts