23 Febbraio, 2024

Serie A UnipolSai 2023/2024, la presentazione della nuova stagione

Serie A UnipolSai 2023/2024, la presentazione della nuova stagione

Presentata la nuova edizione del campionato italiano serie A ancora sponsorizzato Unipol Sai presso il PalaDozza di Bologna, più Basketcity di così non è possibile.

Si parte ad inizio ottobre e si finirà a metà giugno, con la novità della serie finale al meglio delle 5 partite dopo annate a 7, vista l’ultima edizione, sì esaltante ma della serie “non si uccidono così nemmeno i cavalli”, si è tornati indietro a 5 eventuali partite. Sempre 16 le contendenti, verrebbe da dire 14 contro il duopolio che dovrà sventare gli assalti di rinfrescate avversarie che contano durate l’annata in qualche mente rivolta all’Eurolega, manifestazione che chiama e pretende attenzioni basilari.

Olimpia e Virtus restano quindi un gradino lontano da tutte, come la SuperCoppa ha già chiarito, nonostante entrambe fossero imbastite alla meglio dovendo fare i conti con più atleti appena rientrati (alcuni nemmeno) dalla competizione mondiale.

Se l’arrivo pare tracciato, il cammino si fa interessante, un pacchetto di avversarie è pronto ad approfittare di passi falsi e doppi turni europei, a cominciare dalla rinnovata Venezia che però è caduta sul più bello nell’affaire Coboclo, il centro brasiliano firmato in uscita da Ulm ma mai giunto dopo aver disputato un mondiale ottimo. La Reyer affronterà con intenzioni bellicose l’Eurocup, mentre ne è uscita Brescia, la quale riverserà tutte le sue attenzioni sul campionato.

Sulla carta il roster darà filo da torcere a tante, la finale di SC ha detto altro, ma potrebbe essere stata solo la paura del gran colpo. A questo parterre s’iscrive di diritto Tortona, che non più sorpresa dovrà ergersi al ruolo di contendente, tentando per la prima volta la via europea, partendo però dalla BLC, un impegno minore. Sempre da considerare Sassari, ha cambiato molto perdendo pezzi che han fatto la storia, ma sull’isola son sempre bravi a riemergere. Dietro s’erge un plotone di agguerrite formazioni, dove tra non centrare i playoff ed ergersi a sorpresa il margine sarà minimo, “l’europea” Brindisi cerca un nuovo ciclo così come Trento che conferma la partecipazione all’Eurocup.

Ambiziosa anche Reggio Emilia, con staff da Europa, così come alzano le ambizioni Treviso e Napoli, Varese ha perso il coach del rilancio e si affida alle visioni del General per ripartire tentando a sua volta la via delle coppe. Pesaro ha salutato l’eterno Cabeza, dove potrà collocarsi ad oggi non è così scontato, per le restanti l’obiettivo salvezza è la priorità, Pistoia, Cremona e Scafati saranno felici se potranno di nuovo ritrovarsi nella competizione.

Ma sarà il campo a parlare, sovvertendo più presupposti, nella speranza che lo spettacolo cresca di livello, le partite emozionino fino all’ultimo centesimo, perché il segnale scritto dalla finale di SC un po’ inquieta, una vittoria di 37 punti in una finale farà la storia (nuovo record in SC, si era fermi al 2008 tra Siena ed Avellino) ma lascia ben poco pathos al di là dei tifosi della vincente.

E se si voleva scalfire il duopolio di lavoro ce ne sarà da fare. Duopolio che va ribadito, ha richiamato un interesse ben oltre l’abituale per la scorsa finale. Se poi il duopolio regalerà vittorie anche in Eurolega avrà svolto un lavoro importante per tutto il basket italiano. Ad inaugurare i giochi sarà Dolomiti Energia Trentino – Vanoli Basket Cremona, sabato 30 settembre ore 20:30.

Tutte le partite saranno visibili in streaming su DAZN che ha sostituito Eleven Sport (acquisendola), una partita alla settimana passerà su DMAX in chiaro, mentre 2 saranno su Eurosport2. Buon italico basket a tutti!


Post source : Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts