22 Febbraio, 2024

EuroLeague 2023/24:
la Virtus batte anche il Maccabi

EuroLeague 2023/24: <br>la Virtus batte anche il Maccabi

Lasciatela sognare, la Virtus trova energie infinite a meno di 48 ore dall’impresa col Barca e svelle anche il Maccabi, sempre dietro nei secondi 20’.

Pure oggi lo fa con una prestazione corale eccelsa, regge a rimbalzo nonostante un tonnellaggio minore, riduce le terribili perdite del primo tempo, va sulle spalle sicure di Shengelia, un Hackett imperiale a guidare e non solo, Belinelli impiega un po’ a carburare ma poi infila di tutto.

Oggi si è rivisto Smith, meno efficace Lundberg, mentre dietro Dunston fa muro contro tutto e tutti. I falli limitano Cordinier, ma nel finale spegne gli esterni ospiti, peccato per un problema a Mickey, fin lì positivo.

Nonostante si sia giocato ai ritmi del gialli, la Virtus ha saputo metterci alcuni minuti dietro fondamentali che han fatto la differenza, creando dubbi al duo Brown&Baldwin, naufragati nel finale dopo essere stati irrefrenabili a lungo. La Virtus consolida così il 3° posto solitario in Eurolega in una serata con minuti perfino equilibrati per i 9 impegati, Cacok appena provato ma inadeguato. In Eurolega la prossima sarà a Baskonia, in striscia vincente, ma prima in LBA a Milano, partita che vale ben di più dei 2 punti in classifica.


Banchi promuove Dobric per Belinelli, il resto ricalca il solito, Kattash va sul classico, Brown a guidare un quintetto particolarmente fisico. Più attacchi che difese in avvio, ottimi spunti di Shengelia e Cordinier, il Maccabi va con triple, liberi e contropiedi dopo cesti subiti, a metà è parità. Alle luci di Brown risponde Mickey, alla prima pausa è -1 giocando al ritmo degli ospiti, come testimonia l’elevato punteggio e i già 57 punti totali. Numeri quasi identici con largo uso della panchina per entrambe le squadre.

La Virtus va con un quintetto leggero, nonostante Belinelli abbia le polveri bagnate dal -6 si riemerge con un 9-0, spezzato dal solito Brown. Se Cleveland rompe l’inerzia Tel Aviv con un tecnico, la Virtus non la fa sua per le perse che continuano a salire (10 in 20’ contro 4), comprese faticose rimesse sempre in affanno. Beli inquadra il canestro e la Virtus trova il vantaggio, ma un superbo Brown tiene lì i suoi, a metà 49 pari con 16+4 assist dello spagnolo. Segafredo meglio a rimbalzo, zavorrata appunto dalle perse, alcune proprio banali. Beli e Toko in doppia cifra, tanto spazio a Lundberg in 20’ di corsa.
Partenza a ritmi elevati, il +5 illude ma Cordinier sale a 4 falli, autore di difese di alto profilo. Un Beli caliente firma il +10 al 26’, allungato a 11 da Smith, parrebbe al fuga decisiva ma così non è, Brown e Baldwin ricuciono. Il +6 ferma una frazione partita bene e terminata con qualche affanno, tenendo a rimbalzo ma lasciando dietro qualche spiraglio di troppo.

A piccoli passi si prova a scappare, una difesa incisiva ed un attacco ragionato, a riposo un ottimo Shengelia con quintetto piccolo, Dobric da 4. Le V nere sciupano i colpi per chiuderla anzitempo ed immancabilmente dal +10 in 2’ è +5. La difesa ora fatica a contenere l’assalto all’arma bianca dei soliti 2, B&B, si prova a reggere rendendo in attacco. Un furto di Cordiner porta al +8 di Toko quando si entra negli ultimi 3’, e ancora lì si sta a 2’. E’ ancora l’assiro a far la voce grossa evoluendo anche da 5 per i falli di Dunston e un guaio a Mickey, nella tonnara la Virtus ci mette un’energia enorme, il finale è un trionfo anticipato centrando quota 100 con un Hackett per il quale non ci son più parole. Si conclude con un corposo 2-0 il doppio turno d’Euroelga davanti ad un pubblico in visibilio.

Prossima partita sarà domenica ore 17:30 in LBA a Milano con l’Olimpia, diretta Dmax, Nove, streaming DAZN e RadioNettunoBolognaUno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna- Maccabi Playtika Tel Aviv 100-90
(28-29; 49-49; 78-72)
Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 5, Lundberg 6, Belinelli 22, Smith 10, Dobric 4, Mascolo n.e. Cacok, Shengelia 27, Hackett 12, Mickey 5, Polonara n.e. Dunston 9. All. Banchi.
Maccabi Playtika Tel Aviv: Cleveland 5, Webb n.e. Brown 26, Baldwin 20, Menco 3, Sorkin 8, Rivero 6, Cohen 2, Mayer n.e. Nebo 7, Blatt 3, Colson 10. All. Kattash.
Arbitri: Fernando Rocha, Piotr Pastusiak, Gytis Vilius.


Post source : Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts