16 Giugno, 2024

La Virtus espugna il Mediolanum Forum di Assago

La Virtus espugna il Mediolanum Forum di Assago
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Deve vincerla 2 volte la Virtus questa partita a Milano, una prima volta nel primo tempo sempre condotto con autorità e poi tra fine terzo quarto ed inizio ultimo, dopo una ripartenza drammatica subendo un 17-1 di parziale che poteva far crollare chiunque.

Non questa Virtus che trova in Weems l’uomo che non si arrende nella bufera, capace di riportare sulla retta via i compagni, un Lundberg superbo nel 2° tempo tra difesa (cancella Baron) ed attacco, un Mannion più efficace che mai a questi livelli, Hackett leader assoluto nei momenti brucianti e la sostanza a turno dei lunghi.

Oltre a questo il Beli, che prima segna poi crea spazi per i compagni e non si risparmia dietro. Se nel primo tempo l’attacco ha fatto la differenza con medie di alto profilo, a seguire è stata la difesa ad imporsi bloccando l’attacco biancorosso crollato dall’arco (6/25), comandando a rimbalzo (+6), pagando solo per i troppi falli che han lasciato l’EA7 sempre in partita (28 liberi tentati).

Nella sfida che sarà facile rivedere a lungo più avanti, la Virtus si prende il terzo successo in stagione (2 al Forum) che la lancia solitaria al 1° posto a 8 giornate dal termine, dandole il destino nelle proprie mani. Sfida che ha lasciato a guardare una fila interminabile di giocatori, Cordinier, Ojeleye, Teodosic, Pajola, Shields, Pangos, Datome, Hall, Biligha, Thomas, TLC, molti infortunati, altri per turn-over tra gli stranieri.


Scariolo rivoluzione il quintetto, Mannion, Beli, Abass, Shengelia, Bako, Milano ritrova il Melli in dubbio da Madrid, guida a Napier e l’ex Ricci da subito con Voigtman e Baron. Partenza concreta Virtus (2-9) a cui gravano i 2 falli in 2’ di Bako ma regge al rientro avversario rispondendo con 7 a fila del Beli, rimettendo 2 possessi di divario. Le triple scrivono il divario in doppia cifra fino al doppiaggio (13-26), l’Olimpia va a segno solo coi tanti liberi recuperati (10/11) che le permettono di restare a -11 al primo stop tirando malamente dal campo (2/8) mentre la Segafredo veleggia col sontuoso 5/8 da 3 e comanda a rimbalzo. Beli già a 10 nella sfida con Baron a 7.

Ancora con le triple (pure fortunose) si va al +16, quando l’attacco perde di efficacia i padroni di casa provano a rientrare al -8 ispirato da Napier, parziale spezzato da un tiro da 4 di Mannion. Il quintetto senza centro termina col fallo di Mickey sulla tripla di Alviti, qualcosa si sciala davanti mentre dietro è sempre Napier a creare e portarsi a casa una montagna di liberi. Il +13 è siglato da Mannion con tripla allo scadere, la Virtus gira a 49 punti in 20’ frutto del 9/16 da 3, mentre di là il 2/10 zavorra l’attacco retto solo dai 20 spari ai liberi. Segafredo avanti di 5 a rimbalzo, dato inusuale.

Avvio da incubo Virtus, tra i falli di Bako, le palle regalate e i contatti non fischiati, Scariolo deve fermare subito i giochi ma nulla cambia, in 3’ l’Olimpia è a -2. Il pareggio è con una tripla, quelle che la Virtus non trova più, restando quasi 7’ senza segnare dal campo con un Jaiteh oltre l’imbarazzante. La Virtus continua nel digiuno, Milano si mangia cesti facili per spaccare la partita, è ancora Napier, ancora dai liberi a dare il primo allugo ai suoi. Weems rimette avanti i suoi con un 5-0, sul +2 si va all’ultimo stop. 8 miseri punti a segno (3/14 al tiro), dei quali 5 nell’ultimo minuto, ma nella slavina la reazione c’è stata.

Si segna col contagocce sbagliando di tutto, la Virtus recupera un faticoso +6 a metà quarto che dura un attimo. Comandano le difese con qualche storia tesa Hackett-Napier, riallunga Lundberg a +6 con 136” da giocare. Si sbaglia da ambo i lati dopo 2 liberi di Baron, Shengelia a rimbalzo fa +6 a 63”, ai liberi fa +7. Gli ultimi assalti meneghini colgono a segno con Melli, Mickey compie una sciocchezza assoluta ma la difesa rimedia, ed il fallo di Napier su Hackett da antisportivo per trattenuta della maglia chiude la partita per una vittoria di sostanza che issa la Virtus al primo posto solitario in classifica.

Prossima partita sarà venerdì ore 19:00 in Eurolega col Real alla Segafredo Arena, diretta Sky, streaming su Eleven Sport e RadioNettunoBologna1.

Il tabellino

EA7 Emporio Armani Milano-Virtus Segafredo Bologna 69-75
(15-26; 36-49; 55-57)
EA7 Emporio Armani Milano: Davies 4, Mitrou-Long, Tonut 7, Melli 9, Rapetti n.e. Baron 20, Napier 16, Ricci, Baldasso n.e. Alviti 2, Hines 9, Voigtman 2. All. Messina.
Virtus Segafredo Bologna: Mannion 11, Belinelli 12, Bako 2, Jaiteh 3, Lundberg 8, Shengelia 11, Hackett 9, Menalo n.e. Mickey 6, Camara n.e. Weems 10, Abass 3. All. Scariolo.
Arbitri: Mazzoni, Giovannetti, Borgioni.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts