28 Febbraio, 2024

Finale amaro, condizionato da due mancati fischi:
la Virtus cede il passo a Roseto

Finale amaro, condizionato da due mancati fischi: <br>la Virtus cede il passo a Roseto

“PALA RUGGI” (IMOLA) – Non resta che una profonda amarezza ad una Virtus Neupharma Imola che perde contro la Liofilchem Roseto con il punteggio finale di 71-77 : dopo un primo tempo contraddistinto dal tentativo di fuga di Roseto, i gialloneri tornano prepotentemente in partita nella ripresa, cedendo solamente negli ultimi istanti nonostante l’infortunio di Valentini e l’uscita per falli di Barattini. In attesa che si completi il turno, la Virtus Imola resta al 10° posto a 20 punti.


Coach Zappi sceglie Barattini, Magagnoli, Masciarelli, Chiappelli e Ohenhen nel quintetto iniziale.
Come contro Ruvo, la Virtus Neupharma Imola inizia in salita contro un avversario, sulla carta, molto più strutturato: Ohenhen è gioia e dolore, perché da una parte è l’unico ad andare a referto; dall’altra, spreca troppo ai liberi. Roseto accelera sul +8 (2-10), trovando la risposta giallonera sul lungo periodo fino al -4 (8-12) a metà frazione prima e sul -5 (12-17) poi: ma la partita è ormai sbocciata, i ritmi sono molto più alti e le due squadre raggiungono il bonus quando mancano 2’30” alla prima sirena. Santiangeli indovina la terza tripla di serata per gli ospiti, tutt’altra statistica hanno i ragazzi di Zappi (1/5), almeno fino a quando Magagnoli indovina il tiro dai 6.75 metri che sigla il -6 (18-24).

Si segna poco a inizio secondo quarto: solo Petracca riesce ad aumentare il divario per i suoi, Donadoni lo segue due minuti dopo. Da parte Virtus, il canestro degli ospiti rimane “lucchettato” per troppo tempo, precisamente 3’35’, quando ormai Roseto è scappato sul +13 (20-33) anche grazie ai tre punti di Durante dalla siderale distanza. Aglio mette un punto sul parziale di 9-0, accedendo la partita com’era successo nel primo quarto ma con i gialloneri costantemente di rincorsa, anche grazie alla difesa rosetana che concede appena il 26.9% momentaneo di realizzazione. Il PalaRuggi si incendia dopo alcune decisioni arbitrali, spingendo i suoi ragazzi a una rimonta posticipata al secondo tempo, ma dovendo migliorare il 7/19 da due e 2/11 da tre.

Chiappelli-Masciarelli-Chiappelli e la Virtus torna immediatamente in partita sul -8 (36-44), Donadoni mette la tripla che prova ad abbassarle le ali ma senza sortire l’effetto sperato: Ohenhen indovina il -5 (42-47) sotto canestro. Chiappelli continua il suo ottimo impatto nella ripresa, Barattini prova a dipingere una prova incolore personale: non ci sono “bombe” dalla distanza, ma la percentuale di realizzazione (42.5%) si alza notevolmente grazie alla maggior decisione nel pitturato (15/27). Barattini conferma l’inversione di marcia proprio con una tripla, la terza dei gialloneri, per il -4 (54-58) a 1’15” dalla fine. Roseto va in bonus e il fallo di Durante pesa nell’economia degli ultimi secondi, soprattutto perché viene sommato al “tecnico” che vale il -2 (57-59). Nell’azione che porta al traguardo del terzo quarto, l’attacco della Neupharma non trova sbocchi, ma il possesso di svantaggio è l’ennesima dimostrazione di una squadra “quadrata”.

Mantzaris, dopo un “piede” non sanzionato, indovina la “bomba” da tre che raffredda il motore della Virtus; Klyuchnyk porta sullo 5-0 in favore abruzzese. È sempre Chiappelli a tenere i suoi compagni a galla, il quinto fallo di Barattini complica – e non poco – gli ultimi cinque minuti che vedono ancora la Liofilchem a due possessi di distanza (61-66). Ma è un’assenza che gli ospiti pareggiano poco dopo, con Durante che saluta prima che Chiappelli segni i liberi del nuovo -3 (63-66). Gli errori si sprecano, la tensione è alle stelle quando mancano 2 giri di lancette: Magagnoli indovina il minimo svantaggio (68-69, -1), Aglio fa esplodere di gioia il PalaRuggi con una tripla da urlo per il 71-70, raccogliendo da terra un pallone vagante dopo aver subito una stoppata. Ancora una volta, i due direttori di gara non ravvisano un’infrazione di passi: Imola ferma il cronometro e Klyuchnyk segna i liberi del 72-71 e lascia ai gialloneri l’ultimo possesso della partita. Masciarelli scivola su un contatto dubbio, s’infuria e pochi minuti dopo viene espulso quando il risultato è ormai compromesso. La Virtus esce dal campo fra gli applausi.
Prossimo appuntamento mercoledì 14 febbraio 2024 in casa contro Ristopro Fabriano.


Virtus Nepharma Imola-Liofilchem Roseto 71-77
(18-24; 30-44; 57-59)
Virtus Neupharma Imola: Masciarelli 15, Dalpozzo, Aglio 9, Valentini 2, Morara 3, Magagnoli 8, Morina, Chiappelli 13, Alberti 4, Barattini 11, Ohenhen 6, Vannini n.e. All.re: Zappi.
Liofilchem Roseto: Durante 9, Maiga 8, Dervishi, Mastrototaro n.e., Donadoni 13, Guaiana n.e., Tamani 8, Mantzaris 9, Klyuchnyk 18, Santiangeli 4, Petracca 8. All.re: Gramenzi.
Arbitri: Gurrera di Vigevano (PV) e Spinelli di Cantù (CO).
Note: 1Q 18-24; 2Q 12-20; 3Q 27-15; 4Q 14-18.


Post source : Enrico Bonzanini Area Comunicazione - Virtus Neupharma Imola (www.virtusimola.it)

About The Author

Related posts