22 Febbraio, 2024

EuroLeague 2023/24:
Luca Banchi post match Baskonia

EuroLeague 2023/24: <br>Luca Banchi post match Baskonia
Photo Credit To Franco Nonni

Le parole di coach Luca Banchi al termine del match Baskonia Vitoria-Gasteiz-Virtus Segafredo Bologna, 14ª giornata della Turkish Airlines Euroleague 2023/24, giocata alla Fernando Buesa Arena di Vitoria.

«Un gioco solido, un approccio molto promettente. Poi qualche problema a resistere contro la loro grande energia, esplosività, voglia di tornare. I rimbalzi offensivi e i tre punti hanno fatto la differenza nel secondo quarto, quando il Baskonia è rientrato, ma noi siamo rimasti concentrati sul nostro piano, cercando di controllare il ritmo alla fine, dove forse abbiamo perso un po’ del nostro flusso offensivo.

Abbiamo iniziato a sentire forse un po’ di stanchezza e non eravamo così lucidi come prima, ma abbastanza per vincere questa partita e per fare un passo importante per consolidare la nostra identità come squadra. Perché niente di meglio delle vittorie in trasferta può aiutare a costruire un corretto spirito di squadra. La qualità del tiro era alta. Quindi significa che stavano spaziando correttamente, che stavano condividendo correttamente la palla. E per la maggior parte del tempo abbiamo tirato bene.

Questo è stato il segreto, diciamo, per ridurre le opportunità del loro gioco di passaggio. Credo che questa sia la chiave. La nostra immagine migliore. A volte non siamo così precisi. Ma quando giochiamo con un tale flusso e con una tale, diciamo, volontà di condividere il basket e i sacrifici difensivi, possiamo competere.

Marco per me è pazzesco. A un certo punto ero in panchina e ho visto la sua azione e gli ho detto: wow. Ovviamente non mi sento il suo allenatore. Sono qui per vedere, per imparare. E ogni giorno mi porta qualcosa dal suo incredibile talento cestistico, dalla sua conoscenza della pallacanestro. E credo che stasera abbia dato a tutti l’esempio di un impressionante giocatore professionista che ha 13 anni di NBA nel suo curriculum. E viene a Victoria con grande umiltà e desiderio di guidare questa squadra, di mostrare a tutti la direzione che conosciamo.

Era la nostra settima partita in trasferta tra campionato italiano ed Euroleague con sei sconfitte nelle gare fuori casa. Giusto? Ed era il momento di dimostrare. E quando hai un tale tipo di leadership nella squadra, tutto cambia. Perché tutti hanno tratto fiducia dal suo approccio, dal suo portamento, dal modo in cui parlava. Anche in un momento di stress, ha aiutato i compagni di squadra, ha aiutato me e il mio staff a rimanere calmi e concentrati.

Non tutte le sere possono essere così. Ma si merita davvero questo tipo di complimenti. Perché è speciale. E come vi ho detto, guardando da fuori, sono il primo che si diverte a vedere un tale talento. È impressionante. Non sono la persona giusta per domanda. Non lo so. Non è una mia decisione. Non è stata una mia decisione. È qualcun altro che deve decidere. Ma il fatto che un team come Baskonia e una dirigenza come questa considerino il mio nome nella loro short list di candidati mi rende super orgoglioso.

Sono speciali. Questo posto è speciale. Hanno l’immagine esatta del mio club perfetto. La loro visione, la loro strategia, la loro struttura. Sono così chiari, così nitidi, così decisi. Da appassionato di basket, questo club è uno dei migliori in Europa. E se qualcuno in questo club avesse in mente in passato il mio nome, per me significa molto. Non so se potrà accadere, non lo so. Ma so che se il mio nome è stato inserito in questa lista, sono molto orgoglioso.

E ancora, continuerò a fare il mio lavoro con serietà. Ho il mio stile, ho la mia identità. Non cambierò mai. Qualcuno crede che io abbia un brutto carattere. Io ho il mio carattere, è diverso. Ho personalità. Non sono un cucciolo, sono un allenatore. A qualcuno piace, qualcuno lo sa. Ma sono molto severo. E se vi dico che mi piace questo club, è perché mi piace questo club. E sono nel basket da molto tempo.

E ho ragione di credere che quel posto sia speciale. Ho avuto a disposizione giocatori e allenatori miei amici, che lavorano qui in paradiso. E tutti hanno avuto parole straordinarie. Anche Marco che ha avuto un’esperienza sfortunata. Tutti sanno cos’è Baskonia. È un marchio, è uno stile. E avere la possibilità di incontrare queste persone, stringere loro la mano, per me è il miglior rapporto prima della partita e dopo la partita. Mi conoscono, sanno il mio nome. È sufficiente».


 

Post source : Jacopo Cavalli Ufficio Stampa e Comunicazione - Virtus Pallacanestro Bologna (www.virtus.it)

About The Author

Related posts