16 Maggio, 2022

Virtus, a Brindisi vittoria con brividi

Virtus, a Brindisi vittoria con brividi
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Dopo aver dominato il terzo quarto per regalarsi un finale in scioltezza, la Virtus getta un vantaggio di 17 punti e deve inseguire in suspence. Vince con un Weems a tratti fuori partita, ma capace di prendersi la scena quando le paure diventavano macigni, lo fa con un Cordinier sempre presente e con sprazzi dei più, e lo fa per gentile concessione dei padroni di casa, nei momenti decisivi mettono un tragico 1/5 ai liberi. Ma che fatica dopo aver dominato, in una partita che nasce senza Mannion per la positività al covid dell’ultimo momento, assenza che si aggiunge alle canoniche di Teodosic e Hervey, mentre Brindisi è senza Zanelli e dopo 4’, Clark. Vittoria preziosa contro l’HC in crescita, sfruttando i lampi di Alibegovic, la caparbia di Pajola ed un Sampson in decisa crescita anche se a rimbalzo una grande mano è arrivata da Jaiteh. Bene a rimbalzo (+6) anche con l’assetto a 4 piccoli, male a lungo nel finale l’attacco alla zona, in un momento dove si è iniziato più a far passare il tempo che a costruire, male che poteva essere fatale. Ma una vittoria del genere da sicuramente carica, senza il leader Teodosic e resistendo alle fughe in avanti di Brindisi che ha avuto luci, ma anche ombre, da J. Perkins, mentre l’omonimo centro è stato ben limitato, a differenza di Chappell, che come spesso in passato quando vede Virtus vede il canestro ampio.


Scariolo parte con Sampson in centro e Cordinier in guardia, il resto come da ultime uscite, Vitucci da fiducia a Visconti, per il resto nulla di nuovo, chiavi in mano a Clark. L’avvio è Virtus mentre Clark per una botta alla spalla esce dopo 4’, vantaggio che regge poco quando col giro dei cambi la Segafredo rimette un minimo vantaggio. Redivo ritrova la parità, ma un cesto immaginifico di Belinelli dice +3 alla prima pausa. Numeri in sostanziale parità tra rimbalzi medie al tiro e perse.

Replica della partenza, Virtus a +6 poi Brindisi a rientrare, un lesto Sampson è bravo a ridare fiato ai suoi per il +7, vantaggio a cui risponde in assolo J. Perkins. Triple e liberi, Brindisi sorpassa trovando energia in difesa con la Virtus che getta palloni con troppa leggerezza. Redivo sulla sirena dice +3 in un finale tutto casalino, parziale di 14-5 negli ultimi 4’. Non basta tirar bene da 2, il 2/12 dall’arco costringe a giochi obbligati che alla lunga vengono fermati, oltre a falli precoci che costan caro ai liberi, in 20’ HC 9/9 a fronte del misero 2/4 bolognese.

Con le triple (2 Ali) l’attacco va, la difesa cresce e la schiacciata di Jaiteh vale il +9, massimo di giornata al 27’, aggiornato a 12 dall’ennesima tripla di Ali. Il divario si allarga con buone giocate offensive ma soprattutto grazie ad una difesa che chiude tutto, parziale di 17-0 chiuso da un libero di Udom. Ne restano 14 all’ultima pausa, dopo 10’ debordanti per gli ospiti, 26-9 il punteggio, 40 a -3 la valutazione.

L’HC prova a rientrare con la zona e le triple, in 4’ è a -5, partita riaperta. Le triple Virtus non vanno più, le perse aumentano e ne restano solo 2 a metà frazione. Udom firma il sorpasso, la Virtus si è mangiata 17 punti in 6’, ora è partita vera e l’inerzia è di Brindisi che però fa 0/4 ai liberi. Scambio di vantaggio continuo, Cordinier da 3 mette il +4 all’ultimo giro di lancette. Dopo una partita in sordina, Weems fa la differenza con cesti fondamentali e difesa, da un possibile guaio la Virtus ne esce con un ultimo minuto inteso e di solidità mentale di alto livello per una vittoria di valore.

Prossima partita sarà martedì 25 gennaio ore 19030, in Eurocup a Ulm, streaming Eleven Sports e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Happy Casa Brindisi-Virtus Segafredo Bologna 76-83 
(16-19; 39-36; 48-62)
Happy Casa Brindisi: Adrian 4, Perkins J. 18, Fusco n.e. Antonaci n.e. Visconti 9, Gaspardo 6, Ulaneo n.e. Redivo 6, Clark, Chappell 16, Udom 6, Perkins N. 11. All. Vitucci.
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori, Cordinier 14, Barbieri n.e. Belinelli 12, Pajola 6, Alibegovic 13, Ruzzier, Jaiteh 9, Alexander, Ceron n.e. Sampson 13, Weems 14. All.
Scariolo.
Arbitri: Paternicò, Quarta, Valzani


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts