27 Novembre, 2021

Virtus, festeggia la vittoria con Brindisi

Virtus, festeggia la vittoria con Brindisi
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Vincendo una partita costruita su folate importanti, la Virtus resta sola al 2° posto in classifica dopo lo scontro spareggio con Brindisi. Partita sotto di 14 e issatasi a +17, di nuovo si è rischiato con l’HC a tiro sul -2 a meno di 2’.

Lì un Hervey autore di un secondo tempo scintillante ha trovato la tripla della sicurezza, Pajola ha allungato e il finale è giunto senza eccessive paure, suggellato nuovamente da l’ex Kuban, autore di 15 punti nel secondo tempo.

Quarti ondivaghi, da momenti di difesa altissima, ad altri di sparatorie incredibili, dove son cadute nella retina 27 triple, 14 Virtus (col 54%) e 13 Brindisi, con medie calate dopo un avvio irreale.

Brindisi dimostra di meritare la classifica che ha, anche cambiando vari attori il cast rimane sempre affidabile, la Virtus menomata da 3 assenza (Belinelli, Mannion e Sampson) trova anche dalla panchina fiato, punti ed energia.

Proprio da lì è arrivato Cordinier che ha acceso la luce ad un avvio al buio, mentre tutto sommato Alexander e Ruzzier non hanno demeritato, degli altri Teodosic è sceso alla distanza, dopo un avvio da “strabuzzare” gli occhi, Weems utile nei momenti di bisogno.

Ora sarà sosta con impegni vari per i nazionali, coach compreso, si spera momento buono per recuperare gli infortunati.


Privo di Mannion e Sampson, Scariolo parte coi canonici 5 delle ultime uscite, con Tessitori per Sampson, Vitucci con tutti abili presenta Clark in play, assente a settembre nella finale del Porelli. L’HC è aggressiva dietro e pesca cesti sulla sirena che l’esaltano, soprattutto Clark, a metà è -14, con triple che piovono copiose (4/5) e polveri bagnate come non mai. Con un po’ di raziocinio e una difesa più efficace c’è il -7, fermato da qualche conclusione sbagliata di troppo di Alibegovic. Un finale caotico dice -10, con Hervey a 0 e -2 di val., sotto a rimbalzo e con 6 perse, pesanti i 27 subiti.

L’intensità di Cordinier è contagiosa, 3 triple di cui una di Ruzzier valgono il -1 in 3’, l’ex Nanterre in contropiede sorpassa con un 2+1. La difesa ora è un muro di Berlino, in 8’ incassati 5 punti, col rientro ispirato di Teo significa +8, la festa dilaga, Teo stoppa e assiste, vola in un amen il +17. Ne rimangono 15 a metà partita, da come si era partiti par di stare in una giorno diverso, con un 7/10 dall’arco che fa la voce grossa, il controllo dei tabelloni in un quarto da 33-8.

Clark riprende da dove lasciò, ma ora la Virtus è diversa e regge anche la striscia di triple pugliesi. Qualche leggerezza lascia agli ospiti la possbilità di restare in partita, dopo una sfida a suon di triple, si termina con lo scontro Jaiteh-Perkins. Il +10’ al termine della frazione suona da occasione sprecata, altri 27 punti incassati, frutto sì di triple (5/8), ma anche di facili transizioni dovute a tiri mal costruiti e perse, ben 7 in questi 10’. Reggono il tiro dall’arco (4/6) e i rimbalzi.

Vitucci ci prova con un quintetto senza centro al quale si adegua anche Scariolo, soluzione che paga, a metà con qualche regalo ne restan solo 7. L’HC tira per arrivare a -3 sbagliando, ora è partita vera con difese più robuste e attacchi che faticano, nel finale gli assetti tornano quelli soliti. Negli ultimi 2’ si entra sul +5, Adrian riavvicina a -2, Hervey risponde, di nuovo +5, poi Pajola ruba e segna, +7 a 65”, è il divario non più accessibile per gli ospiti.

Prossima partita sarà domenica 5/12 ore 17:30 alla Segafredo Arena con Sassari, diretta Eurosport 2, streaming Discovery e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-Happy Casa Brindisi 90-82
(17-27; 50-35; 72-62)
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 10, Cordinier 13, Pajola 6, Alibeovic, Hervey 20, Ruzzier 3, Jaiteh 8, Alexander 3, Ceron n.e. Barbieri n.e. Weems 13, Teodosic 14. All. Scariolo.
Happy Casa Brindisi: Carter, Adrian 13, Perkins J. 9, Zanelli 7, De Donno n.e. Visconti 2, Gaspardo 10, Clark 17, Guido n.e. Chappel 4, Udom 2, Perkins N. 18. All. Vitucci.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts