18 Luglio, 2024

Virtus, il preview del match contro Promitheas

Virtus, il preview del match contro Promitheas
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Passata l’euforia per i due preziosissimi punti strappati alla Fiat Torino nel match di domenica, è già tempo per la Virtus di prepararsi al mercoledì di Coppa, che vedrà i bianconeri affrontare la prima trasferta dopo tre partite casalinghe tra BCL e campionato. Destinazione: Dimitris Tofalos Arena di Patrasso, casa del Promitheas, attualmente secondo in classifica a quota 11 punti, con cinque vittorie e una sola sconfitta rimediata a casa dello Strasburgo (83-78).

Come la sfida di mercoledì scorso, che ha visto i bianconeri avere ragione del SIG, anche questa non sarà una gara facile considerato il valore dell’avversario. Le statistiche parlano di un duello piuttosto equilibrato con la Segafredo in vantaggio per punti realizzati (86,5 a 81,3), per percentuale di tiri dalla media (39% contro 35,7%), dalla lunga (54,1% Bologna, 53,7% Patrasso) e dalla lunetta (73,1% a 69,8%).

Anche alla voce rimbalzi i bianconeri hanno la meglio con 33 contro i 27,3 dei greci, dimostrandosi più intraprendenti sotto il proprio canestro (24,7 a 18,5) che nella metà campo avversaria, dove entrambe le squadre catturano meno rimbalzi (8,8 contro 8,3). Solo il numero di assist premia i greci (18,7 contro 15,3).

La squadra ellenica è allenata dal 2013 da coach Makis Giatras ed è al proprio debutto nella BCL. La Segafredo di coach Sacripanti dovrà prestare attenzione a Langston Hall, playmaker passato per Pistoia e Cantù tra il 2014 e il 2015, ma soprattutto a Rion Brown, nella top ten dei migliori realizzatori della competizione con 16,3 punti di media e oltre il 50% di tiri da 2 e da 3 messi a segno.

Gli altri esterni agli ordini di Giatras sono Oleksandr Lypovyy e Dimitrios Katsivelis (cinque stagioni all’Olympiakos, ex AEK Atene e Paok Salonicco) decisamente meno pericolosi al tiro rispetto ai compagni di cui sopra. Sorvegliati speciali anche gli americani Tony Meier, ala con esperienza maturata in giro per l’Europa, e Octavius Ellis centro con il 77,8% al tiro da dentro l’arco.

Obiettivo della Virtus sarà quello di mantenere intatto il percorso fin qui immacolato di vittorie, intravvedendo all’orizzonte il passaggio al turno successivo. Tutto dipenderà come sempre dall’approccio con cui gli uomini della Segafredo affronteranno la gara, facendosi trovare reattivi e sul pezzo fin dalla palla a due e mantenendo alto il ritmo per tutti i 40 minuti di gioco.

Incoraggiano le ultime sontuose prestazioni di Pietro Aradori (altri 18 punti a referto contro Torino), il ritrovato feeling con il canestro di Kevin Punter e la regia di Tony Taylor, che riesce sempre più spesso a coinvolgere i lunghi virtussini.


Chiara Bugamelli

About The Author

Related posts