21 novembre, 2017

Virtus, Alessandro Ramagli pre match Mantova

Il video di Alessandro Ramagli coach della Segafredo Virtus Bologna, nella conferenza stampa alla vigilia del match contro la Dinamica Generale Mantova nel video realizzato da Laura Tommasini per Sport Press e pubblicato sui social e sul sito della squadra bianconera.

La Vu nera sabato 21 gennaio giocherà in trasferta al PalaBAM alle ore 20:45, per quella che sarà la 18. Giornata di Campionato (3. giornata di ritorno) di Serie A2 Girone Est. La gara sarà trasmessa ore 20.45 in diretta esclusiva su Sky Sport 2 HD e Sky Sport Mix HD, la diretta radiofonica sarà trasmessa sulle frequenze di Radio Bologna Uno, 89.8 FM, radiocronista Nicola Zanarini e infine in differita nella seconda serata di domenica da TRC, emittente ufficiale della Virtus, sul canale 15 del digitale terrestre.

Le parole di Alessandro Ramagli

Virtus Segafredo pronta alla trasferta di Mantova, contro una Dinamica Generale che è uscita a testa alta dalla sfida con Treviso, giocandosela fino all’ultimo secondo. Una settimana che doveva essere finalmente di lavoro costruttivo, per la truppa bianconera, ma che invece ha messo coach Alessandro Ramagli di fronte a un altro paio di imprevisti spiacevoli, le distorsioni subìte da Lawson e Spissu. La sfida, a questo punto, si fa ancora più delicata.

Mantova è una squadra attrezzatissima. Intanto può contare su La’Marshall Corbett, poi su Daniels, giocatore da campo aperto, da uno contro uno, un’ala vera. E poi su un contorno di giocatori molto esperti. E’ una squadra con nove giocatori realmente intercambiabili, dal punto di vista del talento uno dei quattro team più solidi del nostro girone.

Ha anche una difesa molto tosta, capace di riempire l’area, di impacchettare gli avversari con la fisicità. Una squadra a cui non manca niente per raggiungere posizioni di vertice nel nostro girone. Da questo punto di vista una partita molto stimolante, dopo quella di Piacenza che io stesso avevo un po’ derubricato, ma che alla luce di quanto poi Piacenza ha fatto a Udine è una prestazione che va rivista, e dopo quella contro Imola.

Sarà un bel test, contro una squadra con tante frecce al proprio arco, che ci coglie in un momento difficile dal punto di vista della salute. Ma fa parte del gioco trovare soluzioni nei momenti di incertezza”.

Lawson è fermo da martedì, nonostante oggi abbia provato ad assaggiare il parquet, almeno per scaldare la mano al tiro. Spissu ha avuto un inconveniente il giorno successivo.

Kenny ha subìto una distorsione alla caviglia martedì, poi non si è mai allenato a parte qualche tiro fatto oggi pomeriggio. Domani proverà a lavorare con noi al mattino, lì valuteremo se utilizzarlo o meno. Anche Spissu si è fatto una distorsione, questa volta alla caviglia destra, nell’allenamento di mercoledì. Oggi ha provato, la caviglia è dolente ma se non si gonfia sarà in campo”.

Avanti senza dubbi, ma con la consapevolezza che eventuali assenze cambierebbero assetti ed equilibri.

Se Kenny non dovesse andare in campo, non faremo grandi voli pindarici: attingeremo alle nostre risorse, penso a Petrovic e Michelori, non potendo giocare molto con due lunghi in campo assieme. Ma ho visto una squadra che non si è fatta abbattere da due colpi bassi in due giorni consecutivi, che ha lavorato senza frustrazioni, anche se ovviamente il livello di qualità si è abbassato un po’.

Ma i ragazzi dell’Under 18 e dell’Under 20 ci hanno dato una grandissima mano. Anche in gara occorrerà grande flessibilità, soprattutto da parte dello staff. Dovremo essere pronti a cogliere l’attimo, quelli che ci sono dovremo metterli in campo con un senso, cercando l’intuizione giusta con grande sensibilità. I margini di rimedio all’errore, quando sei contato, diventano sottili. Un esempio?

Magari Lawson ci sarà, ma se fosse in condizioni di grande handicap dovremmo avere la sensibilità di tenerlo fuori. Così come se dovessimo accorgerci che può darci quindici minuti di qualità, dovremo selezionare bene quei quindici minuti. Facile, molto facile a dirsi. Poi sul campo diventa un po’ più complicato”.

Guardare oltre, dunque. Con la consapevolezza che lo scoglio sarà alto, e che il biglietto da visita delle undici vittorie filate non regala patenti di invincibilità. Anche se dal punto di vista psicologico è un bel toccasana.

La partita con Imola mi ha fatto vedere che quello che era successo a Piacenza non era stato messo in un cassetto, i ragazzi erano consapevoli della strada che volevano percorrere. Sono stati molto bravi, poi la partita ci ha detto che il livello di attenzione e l’approccio in generale è stato nell’alveo di quello che era successo alla vigilia. Però non l’ho fatta rivedere ai miei giocatori, ho voluto evitare autocompiacimenti. Abbiamo guardato avanti”.

Fonte: Marco Tarozzi – Area Comunicazione (www.virtus.it)

About The Author

Related posts