19 Luglio, 2024

Serie A Coppa Italia 2019: la Virtus batte Milano e va in semifinale

Serie A Coppa Italia 2019: la Virtus batte Milano e va in semifinale
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Vince la Virtus una partita condotta con autorità e rimessa in gioco solo negli ultimi 5”, ci vuole l’instant replay per regalare il sogno ai tanti tifosi bianconeri giunti al PalaMandela, ma così la vittoria è ancora più bella. Come sempre la Coppa Italia è un mondo a sè che ribalta i valori costruiti i mesi di campionato, Milano prima in Italia e tra le 8 d’Eurolega deve cedere il passo ad una Virtus cinica nello sfruttare il male altrui sotto canestro dove il solo Brooks non può far miracoli.

Se l’attacco è girato al meglio guidato da un Taylor al suo massimo con spunti da tutti, dietro l’intuizione di Sacripanti di mettere fuori partita da subito James con Cournooh si è rivelata decisiva. Se non fosse per gli ultimi secondi dove i miracoli han baciato i meneghini, la difesa nel complesso ha fatto la differenza, trovando adeguamenti anche ad un Nunnully partito in maniera inarrestabile.

Milano ha sparato alla luna dall’arco, a poco son valsi i rimbalzi in più, han pesato maggiormente sul groppone bolognese le perse, 15 in totale ma ben 8 negli ultimi 10’. Ma è festa in una partita dove la voglia di riscatto di M’Baye ha propiziato i momenti più importanti e più belli.


Sacripanti sceglie un quintetto piccolo con Cournooh per Aradori e Moreira in centro (Kravic fuori per scelta), Pianigiani va con l’unico centro a disposizione, Omic, e da subito con Nunnally (fuori per scelta oltre alle 2 torri infortunate anche Bertans e Nedovic) con James ovviamente a guidare. 1’ e Punter sale già a 2 falli contro Micov, e in attacco son subito dolori, il cesto è piccolissimo e dietro la forza degli esterni, Micov e Nunnally, non trova diga. L’uscita dalla sospensione è positiva con la folata di Taylor e gli acuti di Moreira, la risposta di Nunnally è imperiosa e Milano prova la fuga. Una bomba di Aradori riavvicina a -5 dopo 10’ con Milano meglio a rimbalzo e senza perse, che regala in modo anomalo uno 0/4 ai liberi di Micov. 1/5 dall’arco per la Virtus, aprire la scatola diviene più complesso.

Sprint Virtus in avvio e sorpasso col 2+1 di M’Baye, motivato nella sfida da ex, il vantaggio regge nonostante sotto al proprio ferro lasci troppe opportunità. Dall’arco Milano mette di nuovo la freccia rimediando al -5 appena Nunnally rimette piede in campo con un quintetto piccolo, Brooks da 5. Pianigiani rimette un quintetto canonico e la Virtus lo svelle, i primi acuti di Punter, un Moreira efficace e la bomba di Cournooh, basilare dietro ed utile davanti, dicono +5. Una difesa attenta ed un attacco equilibrato valgono il vantaggio nonostante a rimbalzo non tutti quadri, sfruttando al meglio le situazioni nel pitturato con buone medie al tiro il vantaggio nasce da un quarto vigoroso, 34-6 di valutazione.

Taylor firma il +8 mentre James litiga ancora dall’arco, vantaggio che regge a lungo grazie ad un Cournooh mai così efficace. Il +10 di Taylor costringe Pianigiani a fermare i giochi, le giocate di Micov e qualche ingenuità difensiva permettono all’A|X di riavvicinarsi, complice il 4° fallo di Punter. Un M’Baye da highlight ristabilisce le distanze, limate a 9 da un canestro molto dubbioso di Kusmiskas sulla sirena, la difesa a far la voce grossa trainata da un Cournooh mille braccia.

Spara dritto Aradori per il +12, nonostante il carico di falli con bonus anticipato il vantaggio regge sulle invenzioni di Taylor. Milano inizia a stringere in difesa ed accelerare le esecuzioni offensive, il +13 è un +6 con poco più di 3’ da giocare. Dopo muniti di appannamento è ancora M’Baye a ritrovare la luce, un 2+1 di Moreira vale la doppia cifra di vantaggio, James fin lì negativo si prende i suoi sulle spalle ed è di nuovo +6. Tra perse e falli discutibili da ambo i lati si arriva ad un libero di Taylor ed altra confusione, il finale con Virtus sempre avanti passa dai liberi. Quelli vanno, ma tra falli inopinati e miracoli negli ultimi secondi degli esterni A|X, è sì vittoria Virtus, ma che paura.

Prossima partita sarà con Cremona sabato 16 febbraio ore 18:00, diretta su Rai Sport, Eurosport 2 e Player.

A|X Armani Exchange Milano-Segafredo Virtus Bologna 84-86
Parziali: 1/4 22-17 (22-17) – 2/4 14-24 (36-41) – 3/4 18-22 (54-63) – 4/4 30-23
A|X Armani Exchange Milano: Della Valle 3, James 13, Micov 17, Ferraris n.e. Fontecchio, Kuzminskas 7, Cinciarini, Nunnally 19, Burns 4, Brooks 11, Jerrells 6, Omic 4. All. Pianigiani.
Segafredo Virtus Bologna: Punter 4, Martin 2, Moreira 14, Pajola, Taylor 23, Baldi Rossi, Cappelletti n.e. Aradori 15, Berti n.e. M’Baye 14, Cournooh 9, Qvale 5. All. Sacripanti.


Luca Cocchi

About The Author

Related posts